Redazione Paese24.it

Villapiana, salta confronto tra Maggioranza e Minoranza. Opposizione attacca senza freni

Villapiana, salta confronto tra Maggioranza e Minoranza. Opposizione attacca senza freni
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’Opposizione chiama al confronto la Maggioranza su un ventaglio molto ampio di argomenti, ma la Maggioranza si defila perché invitata in ritardo, dicendosi però disponibile a un successivo dibattito. Argomento-portante, la soppressione del servizio di trasporto urbano, su cui la Minoranza ha dato battaglia e raccolto ben 847 firme di protesta. Il capo-gruppo Luigi Bria fa da mattatore e, innanzitutto, minaccia di rivolgersi alla Magistratura perché l’autista dichiarato “non idoneo” per questo tipo di servizio è stato utilizzato per 5 mesi sempre come autista. Si dice quindi stupefatto e “avvilito” che una cittadina come Villapiana non sia in grado di mantenere un servizio che è passivo di soli 7/8mila euro.

«Il sindaco deve ripensarci bene – ha tuonato il dottor Bria – e ripristinare un servizio che esiste da oltre 20 anni. Confidiamo sugli assessori e su quelli dello staff del sindaco: basta ammettere che c’è stato uno sbaglio, perchè la soppressione di un servizio così essenziale equivale a una vera e propria ingiustizia sociale che penalizza soprattutto gli anziani e le classi più deboli e indifese». L’argomento del trasporto urbano in realtà è servito per discutere a 360 gradi sull’operato dell’esecutivo-Montalti a circa un anno e mezzo dall’inizio del mandato. Un operato ritenuto dalla Minoranza insufficiente ed approssimativo. Nel calderone delle critiche è finito il “Punto informativo” realizzato al Lido e costato 200mila euro, giudicato «un vero obbrobrio e un doppione dell’esistente e, poi – ha aggiunto Bria – perché affidare i lavori a ditte di fuori?». E poi il Liceo Musicale da istituire su cui la Maggioranza ha cambiato idea repentinamente. La Minoranza ha insomma attaccato a testa bassa soprattutto sulle presunta opacità dell’azione amministrativa che, a dire del capo-gruppo Bria, gli attuali amministratori rimproveravano ai loro predecessori, ma certamente il dibattito sarebbe stato più completo se fosse stato a due voci. Cosa che ci si è ripromessi di fare quanto prima.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *