Redazione Paese24.it

Trebisacce. Prigioniero dei cavi elettrici, non può terminare lavori sua abitazione

Trebisacce. Prigioniero dei cavi elettrici, non può terminare lavori sua abitazione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Tappato in casa e impossibilitato a proseguire i lavori che riguardano la facciata della sua abitazione: è questo il destino del pensionato C.T. di Trebisacce. La colpa è della ragnatela di cavi dell’Enel e della Telecom che si aggrovigliano come i tentacoli di una piovra intorno alla sua abitazione e, oltre a rappresentare uno sconcio che stride non poco con i lavori eseguiti dall’interessato per rendere esteticamente graziosa la sua abitazione, gli impediscono di fatto di completare i lavori in corso.

Sono anni che il povero pensionato combatte contro Enel e Telecom e c’è voluta una causa civile per vedersi riconoscere le sue ragioni ed avere anche un risarcimento per i danni subiti e per le spese legali sostenute. Il giudice in realtà ha riconosciuto all’interessato il diritto ad essere liberato dai tentacoli della piovra ed il dovere da parte di Enel e Telecom della immediata rimozione dei cavi. E’ passato però oltre un anno dalla sentenza ma, nonostante le sollecitazioni e le proteste, i cavi sono ancora lì, attaccati con una corda e minacciosamente sospesi come una spada di Damocle sulla porta d’ingresso del povero pensionato.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *