Redazione Paese24.it

Trebisacce, «Comune sotto di 8 milioni. Sindaco faccia i nomi degli autori del disastro»

Trebisacce, «Comune sotto di 8 milioni. Sindaco faccia i nomi degli autori del disastro»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Chi è stato ad indebitare il Comune di Trebisacce? Perché i cittadini devono pagare i debiti senza sapere chi li ha prodotti nel corso degli anni? Se lo chiede l’Opposizione per bocca del capo-gruppo Pino Sposato (nella foto) il quale, sventolando “la tabella” aggiornata della massa debitoria (7/8milioni di euro), torna ad incalzare il sindaco Mundo perché si dia un nome e un cognome a chi ha indebitato il comune fino al punto da renderlo quasi ingovernabile. Fatta la domanda lo stesso Sposato fornisce anche la risposta mettendo sotto la lente d’ingrandimento “i dati e le date” della tabella elaborata dagli uffici finanziari del Comune da cui si evincerebbero l’entità della massa debitoria e gli autori dell’indebitamento.

veduta_palazzo-2Detto questo il capo della Minoranza passa ad esaminare i numeri da cui si evincerebbe che gran parte della massa debitoria sarebbe stata contratta durante i 15 anni delle tre legislature finite nel 2007, due delle quali, ha ricordato Sposato, avevano come sindaco Antonio Mundo. «Non è vero dunque, – ha dichiarato l’imprenditore Sposato – che i debiti sono stati prodotti durante l’esecutivo-Bianchi e bene farebbe il sindaco a far sapere ai cittadini nome e cognome di chi ha indebitato il comune fino al punto di renderlo quasi ingovernabile e bene farebbe a prenderne atto, ad evitare tuttora spese superflue ed a prendersela con il Revisore dei Conti e con le Istituzioni di riferimento, costringendo la Minoranza a denunciare le gravi criticità del bilancio alla Corte dei Conti».

Si tratta, per la verità, di debiti ormai accertati che l’esecutivo in carica ha quasi interamente ereditati e che sta cercando affannosamente di eliminare dal bilancio avendo fatto ricorso a due onerosi prestiti ottenuti dalla Cassa Depositi e Prestiti (2milioni 381mila il primo e 5milioni e 600mila il secondo – circa 8milioni il totale), che il comune dovrà onorare attraverso un piano di ammortamento teso a liberare il comune dai debiti fuori bilancio ed a portarlo ad una situazione di normalità finanziaria.

Ci riuscirà? Non ci riuscirà? Secondo l’opinione del capo-gruppo di Minoranza: «L’esecutivo-Mundo avrebbe fatto bene a mettere le carte sul tavolo sin dall’inizio e dichiarando il dissesto economico, senza fare sconti a nessuno e a prescindere se qualcuno dei nomi poteva essere imbarazzante, senza arrampicarsi sugli specchi e senza far pagare ai cittadini il prezzo di un risanamento finanziario abbastanza complicato che, peraltro, non si sa a che esito possa approdare. Ma poi – ha concluso l’imprenditore Sposato riferendosi all’esecutivo in carica – ci devono spiegare che fine hanno fatto i circa 3milioni e mezzo di euro del prestito che hanno ottenuto, che ancora non sono stati spesi e di cui il comune sta già pagando le rate».

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *