Redazione Paese24.it

Castrovillari. La Grande Guerra nella voce di poeti e scrittori

Castrovillari. La Grande Guerra nella voce di poeti e scrittori
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Letture con gli studenti delle scuole cittadine

Download PDF

locandina“Ricordando la Grande Guerra: poeti e scrittori in trincea”. E’ questo il tema del prossimo incontro in programma a Castrovillari, al Lilù Caffè letterario, nato da un’idea dell’avv. Gaetano Bloise e organizzato dall’associazione culturale Mystica Calabria. L’iniziativa, nel dettaglio, prevede due incontri, curati dallo stesso Bloise, dalla prof.ssa Ines Ferrante e dalla prof.ssa Milena Filomia, con la partecipazione di intellettuali, docenti  e alunni di alcuni Istituti scolastici Superiori della città. Domenica 29 novembre, alle ore 17.00, l’attenzione sarà rivolta ai capolavori mondiali di autori come Ungaretti, Montale, Alvaro, Lussu, Marinetti, Salsa, Gadda, Rebora, sullo sfondo di un lavoro multimediale dal titolo “I poeti e la Grande Guerra”, realizzato dagli alunni del Liceo scientifico “E. Mattei” di Castrovillari. «Sono le opere sia di interventisti che di poeti che la guerra l’hanno subita come esperienza diretta » – commenta la prof.ssa Filomia.

Domenica 6 dicembre alle ore 18.00 l’incontro sarà, invece, dedicato alle “Lettere dalla trincea” con gli interventi della prof.ssa Ines Ferrante, del prof. Luigi Blotta e di Claudia Rende, autrice del libroSolstizio sul Piave – Ettore Manes, ritratto di un eroe”, edito da Arte26. Le letture saranno a cura degli alunni dell’Ipssar “Karol Wojtyla”, e delle classi quinte dell’Ipsia “L. Da Vinci” di Castrovillari, queste ultime coordinate dalle prof.sse Teresa Filomia e Francesca Raffa. Durante gli incontri sarà esposta la collezione di cartoline reggimentali dell’epoca. «L’obiettivo – commentano gli organizzatori – è quello di avvicinare le nuove generazioni alla conoscenza della letteratura del Novecento, focalizzando l’attenzione sulla dimensione della vita quotidiana di tutte quelle persone che abitualmente non compaiono nella storia ufficiale: soldati semplici, operai, donne, ecclesiastici».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *