Redazione Paese24.it

Rossano, un “albero dei giusti” fatto con materiale riciclato

Rossano, un “albero dei giusti” fatto con materiale riciclato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ha una dimensione di 3,80 per 3,15 metri per un totale di circa 12 metri quadrati, è formato da tre pannelli di cartone orizzontali su cui sono applicati circa 1.000 fondi di barattoli di latta e delle farfalle realizzate dagli alunni della scuola Secondaria di 1° grado “Leonardo Da Vinci” di Rossano, con bottiglie di plastica e altro materiale di recupero (fogli di riviste, cartone, cucchiai di plastica, ecc.). E’ l’Albero dei Giusti – dedicato a Khaled Al-Asaad, l’archeologo siriano torturato e ucciso dai militanti estremisti dello Stato islamico lo scorso agosto per aver nascosto e salvato dai contrabbandieri centinaia di statue appartenenti all’antichità di Palmira – e inaugurato ieri (lunedì) presso l’Istituto scolastico diretto dal prof. Antonio Franco Pistoia. L’opera è stata ideata dalla Commissione Programmazione e Valutazione dell’Istituto Comprensivo Rossano 1 e allestita con cura all’interno della scuola, dove resta in esposizione permanente.

A donare il materiale di recupero l’associazione Ricicl’Art che «porta avanti sul territorio dell’area urbana una serie di iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza e, soprattutto, le nuove generazioni, sul riutilizzo dei materiali di scarto, testimoniando come anche quelli che comunemente sono considerati “rifiuti” possano trasformarsi in vere e proprie opere d’arte». I tre pannelli orizzontali rappresentano i tre ordini di scuola (infanzia, primaria e secondaria di primo grado) dell’Istituto comprensivo Rossano 1, su cui si sviluppa l’albero con un tronco massiccio, corrispondente ai primi due ordini che sono fondamentali per la formazione degli alunni, e i rami, anch’essi robusti, in corrispondenza del terzo ordine, che puntano verso l’alto. Le farfalle sono invece il simbolo della “evoluzione” dei ragazzi, della loro crescita e della loro “migrazione” verso le scuole superiori.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *