Redazione Paese24.it

Chiusura “Casa Albergo” di Oriolo. Sindaco scrive ad Oliverio per accelerare accreditamento

Chiusura “Casa Albergo” di Oriolo. Sindaco scrive ad Oliverio per accelerare accreditamento
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Chiusura della “Casa-Albergo” di Oriolo: il sindaco Giorgio Bonamassa scrive al presidente Oliverio, gli illustra la storia antica e recente della struttura, il suo importante ruolo sociale svolto nella comunità e gli chiede un incontro urgente per provare a risolvere la questione. «Personalmente – ha scritto Bonamassa – ho avuto modo di valutare ed apprezzare il lavoro che quotidianamente svolgono gli operatori, i quali sono stati capaci di creare nel tempo un rapporto “familiare e umano” con i pazienti aiutandoli a diventare parte integrante della comunità locale… La soppressione di questa struttura creerebbe perciò un grande disagio agli ospiti ormai perfettamente integrati nel contesto locale, ai loro familiari e all’intero territorio che si sentirebbe ancora una volta “scippato”».

Il sindaco Bonamassa ricorda quindi le ricadute economiche su un’economia fragile come quella di Oriolo e dell’Alto Jonio. «Abbiamo bisogno di dare segnali di incoraggiamento e di vicinanza a quelle famiglie, a quei giovani che non intravedono all’orizzonte un futuro nella nostra terra; abbiamo il dovere di non spegnere la fiaccola della speranza e di dare motivazioni vere, serie e concrete a tutti quei concittadini che non vedono altra soluzione se non quella di “fuggire” lontano in cerca di fortuna. Sono consapevole – ha aggiunto il sindaco-imprenditore Giorgio Bonamassa – che i problemi sono tanti e di difficile risoluzione, ma altrettanto convinto che a pagare non possono essere sempre gli stessi, i più deboli. Non posso perciò restare immobile di fronte a tale situazione e sono pienamente convinto a sostenere questa causa insieme ai miei concittadini al fianco degli ospiti e dei dipendenti della “Casa Albergo di Oriolo”, non escludendo forme di protesta anche eclatanti. Ma, – ha concluso il primo cittadino di Oriolo – poiché sono pienamente convinto della forza del dialogo e del confronto vi rivolgo un accorato appello affinché la Casa Albergo di Oriolo non venga disattivata e si avviino subito le procedure per l’accreditamento della stessa (come richiesto con una nostra Delibera di Giunta)».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *