Redazione Paese24.it

Raccolta olive nell’Alto Jonio. Prodotto abbondante ma senza mercato

Raccolta olive nell’Alto Jonio. Prodotto abbondante ma senza mercato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Campagna olivicola 2015: un prodotto abbondante e d’eccellenza che però non ha mercato, mentre la cronaca racconta che i nostri supermercati sono pieni di olio adulterato. E’ anche questa l’amara realtà di un territorio come l’Alto Jonio, ma più in generale la Calabria, che continua a piangersi addosso ma che non sa fare sintesi e mettere in rete le sue grandi risorse, siano esse ambientali e archeologiche che agro-alimentari. Eppure gran parte del territorio dell’Alto Jonio è coperto di uliveti e, specie quest’anno, a ragione di eventi climatici favorevoli, c’è una produzione abbondante e di ottima qualità che però non è in grado di arrivare sui mercati nazionali ed europei per carenza di una decente organizzazione commerciale.

Altri territori, soprattutto nel centro-nord del Paese, stanno invece a dimostrare che attraverso la cultura dell’associazionismo e del marketing, si riesce ad arrivare sui mercati nazionali, europei e anche americani dove il “made in Italy” ha un binario preferenziale perché sinonimo di qualità. Succede così che l’olio d’oliva della campagna 2015 è abbondante e di qualità eccellente, ma non ha mercato perché i singoli produttori non sanno a chi venderlo e si finisce per immagazzinarlo e comprometterne così la qualità. Certo anche da noi non mancano gli esempi virtuosi di iniziative imprenditoriali nuove, attivate e gestite soprattutto dai giovani, che provano a fare impresa valorizzando le provvidenze comunitarie e affidandosi a nuovi sistemi di marketing, ma sono ancora pochi.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *