Redazione Paese24.it

Canna, “Riva Destra” approda nell’Alto Jonio «per recuperare identità del territorio»

Canna, “Riva Destra” approda nell’Alto Jonio «per recuperare identità del territorio»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Approda e inizia a fare proseliti anche nell’Alto Jonio il Movimento politico “Riva Destra”: Antonio Turchitto, già capo-gruppo consiliare e coordinatore cittadino del MSI/AN di Canna oltre che dirigente del FUAN di Bologna è stato nominato responsabile per Canna e per l’Alto Jonio insieme a Patrizia Truncellito dall’avvocato Pasqualino Gallo presidente provinciale e dirigente nazionale del movimento. Oltre ai due suddetti referenti zonali “Riva Destra” a livello provinciale è rappresentato da Giovanni Veltri, con delega ad Agricoltura e Forestazione e Giovanni Talarico responsabile del settore Commercio e Artigianato.

«Particolare attenzione – ha affermato il coordinatore provinciale di Cosenza Pasqualino Gallo nel comunicare l’avvenuta nomina dei suddetti – sarà posta nei confronti dei comuni di Canna, Nocara, Rocca Imperiale, Montegiordano, Albidona, Oriolo, Amendolara, Castroregio, Alessandria del Carretto e degli altri paesi dell’Alto Jonio cosentino, nonché dei comuni della Sila e del Basso Jonio cosentino, mediante una pianificazione territoriale che mirerà ad esaltare le identità locali, con un’attenzione particolare alla pianificazione turistica che vedrà il coinvolgimento di tour operator nazionali per dare slancio ad uno sviluppo turistico che possa davvero determinare un rilancio economico e sociale dell’intera zona e non solo. Saremo impegnati – ha concluso l’avvocato Gallo – nel recupero dell’identità e delle radici storiche di queste comunità al fine di creare un legame di appartenenza a un mondo antico fatto di ideali e di passioni, proiettati nel futuro, allontanandoci sempre di più dal cinismo politicante del potere e delle poltrone che abbiamo da sempre condannato, dall’oligarchia delle caste, dal becero consociativismo, per cercare di dare risposte ai bisogni reali della gente sempre più impoverita da un’economia messa in crisi dalla speculazione finanziaria».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *