Redazione Paese24.it

Sibari, con la danza una raccolta fondi per aiutare a studiare 50 ragazzi della Diocesi

Sibari, con la danza una raccolta fondi per aiutare a studiare 50 ragazzi della Diocesi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Arte e solidarietà si incontrano a Sibari e, con la benedizione del Vescovo della Diocesi Mons. Francesco Savino, regalano una serata di commozione collettiva generata dallo spettacolo di danza intitolato “Somewhere over the rainbow “ (da qualche parte oltre l’arcobaleno) svoltosi nella sala convegni “Don Milani“ a cura della “Tersicore Dance School” di Concetta Perri e Marco Roseti. Così dopo il successo di Altomonte e quello di Trebisacce, si è concluso qui a Sibari il trittico delle esibizioni degli allievi della suddetta scuola di danza avente come finalità la donazione dell’incasso al progetto della Diocesi di Cassano Jonio “L’appetito vien studiando” che ha l’obiettivo di assistere 50 ragazzi del nostro territorio che vivono il disagio sociale, a cui offrire pasti caldi, istruzione e momenti di vita sociale.

La serata, oltre che alla presenza del parroco don Michele Munno, ha visto la partecipazione del Vescovo della Diocesi don Francesco Savino (ideatore e sostenitore del progetto assieme alla Caritas Diocesana), a cui a fine spettacolo è stata consegnata la somma raccolta nelle tre serate. «Una terra, la Calabria, – ha ribadito ancora una volta il Presule Cassanese – che, purtroppo, vede i suoi giovani allontanarsi per mancanza di lavoro. Una terra dove anche i loro genitori, che per una intera vita hanno fatto sacrifici, decidono di abbandonare tutto e seguire i propri cari. Bisogna fare di tutto – ha ammonito il Vescovo rivolto soprattutto ai governanti – tentare di invertire questa tendenza nefasta e puntare su occasioni che ci consentano di resistere per trasformare “insieme” in opportunità le enormi risorse presenti, dalle nostre montagne al mare stupendo, ai tanti beni ambientali».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *