Redazione Paese24.it

Trebisacce, il potere istituzionale del sindaco per aprire una nuova strada

Trebisacce, il potere istituzionale del sindaco per aprire una nuova strada
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Aperta, d’autorità e con i poteri istituzionali conferiti al sindaco, una nuova bretella di collegamento tra via Londra e via Dublino che ricadono nella zona a forte espansione urbana che si estende a monte di Viale Italia: rispettato così il PRG in adozione che in quella zona prevedeva una strada di piano e agevolato il collegamento tra le abitazioni limitrofe ed il tessuto urbano. C’è voluta però un’azione di forza del sindaco di Trebisacce Franco Mundo il quale, azionando i poteri previsti per l’occupazione d’urgenza delle aree comunali, ha fatto ricorso ad un apposito decreto sindacale (Ordinanza).

«Per amministrare bene – ha dichiarato il primo cittadino nel commentare la sua iniziativa – ci vuole determinazione , coraggio e passione, altro che chiacchiere! Noi – ha aggiunto il sindaco in polemica con la Minoranza che nei giorni scorsi ha tappezzato la città con un ampio manifesto murale infarcito di critiche – continuiamo a governare nell’interesse generale del paese».

Ovviamente il sindaco Mundo, ha postato la notizia sulla rete e sulla rete qualcuno ha risposto lodando l’iniziativa e definendola benemerita, ma precisando che «ci sarebbero altre vie da aprire a Trebisacce: per esempio in fondo a via Bellini, una strada senza sbocco interdetta da anni da un giardino abusivo. Ultimamente – ha aggiunto questo cittadino invocando un sopralluogo del sindaco –  il giardino è stato eliminato ma la strada è tuttora bloccata e aprirla sarebbe un bello sfogo e una comodità per l’intero vicinato, perché noi residenti siamo costretti sempre a fare manovre impossibili con le nostre auto, per non parlare dei mezzi pesanti che non possono accedervi né transitarvi».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *