Redazione Paese24.it

A Trebisacce un’autostazione per i pullman. Un bando per modernizzare attuale piazzale

A Trebisacce un’autostazione per i pullman. Un bando per modernizzare attuale piazzale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Trebisacce, divenuta importante snodo della mobilità su gomma dopo la morìa dei treni, prova a dotarsi di un’area attrezzata da destinare ad autostazione dei pullman. Per provare a trasformare l’ampio piazzale “Willy Brandt” (nella foto) di proprietà delle Ferrovie in una moderna e attrezzata autostazione (ancora oggi il piazzale da dove partono e arrivano gli autobus non gode nemmeno dei minimi servizi necessari ai viaggiatori, ndr) l’amministrazione comunale ha approvato il bando di “Project-Financing-area attrezzata-disciplina del traffico e autostazione” su detto piazzale comprendendo anche via Fiume e vico Boccioni che confluiscono nella stessa area.

Proposta che, ai sensi del comma 19, art. 153 D. Lgs 163/06 (Codice dei Contratti) è stata presentata alla Giunta dal responsabile dell’area tecnica Antonio Brunacci che ha allegato il progetto preliminare, la relazione tecnica sul valore commerciale dell’area ed il quadro economico dell’opera che prevede una spesa di 550mila euro oltre ad altri oneri diversi. «Tanto si è potuto deliberare, – si legge nella nota proveniente dal comune – perché il “Codice dei Contratti” consente agli operatori economici (l’azienda auto-trasporti n.d.c.) di proporre la realizzazione di un’opera di pubblica utilità non presente nel precedente Piano Triennale ma che si può successivamente inserire, la qual cosa, una volta approvato il progetto, può consentire all’esecutivo di… procedere all’acquisizione delle aree al patrimonio del comune con la procedura di occupazione d’urgenza della parte di area non di proprietà».

Altro passaggio importante rimane la deliberazione del consiglio comunale che dovrà sancire l’interesse pubblico dell’opera e la sua importanza sociale ed economica. Due, secondo gli amministratori in carica, gli obiettivi dell’opera da realizzare: la riqualificazione urbanistica di un’aera ormai centrale dell’abitato e delle vie adiacenti e la possibilità di capitalizzare, a vantaggio dell’interesse pubblico, le risorse messe a disposizione dall’impresa privata che propone la realizzazione dell’opera. «L’iniziativa – si legge in conclusione nella nota – nasce dalla necessità di dotare la città di un’area attrezzata da destinare ad autostazione, proprio per la centralità comprensoriale di Trebisacce, in modo da consentire ai tanti passeggeri di usufruire di buoni e soddisfacenti servizi pubblici .

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *