Redazione Paese24.it

Trebisacce. Ragazzino si fa male in partita ma ambulanza non c’è. All’ospedale con l’auto

Trebisacce. Ragazzino si fa male in partita ma ambulanza non c’è. All’ospedale con l’auto
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’ambulanza del 118 è impegnata altrove: dodicenne con frattura di tibia e perone viene accompagnato in macchina all’ospedale di Policoro (Mt). E’ successo domenica mattina a Trebisacce durante una partita del campionato giovanile: il giovane C. B., 12 anni, residente a Trebisacce ma militante nello “Sporting Club” di Corigliano calabro, a seguito di uno scontro fortuito con un avversario di gioco, subisce la frattura di tibia e perone. Il gioco si ferma subito, allarmati accorrono tutti attorno al ragazzo che ha la gamba penzoloni per la rottura contemporanea e scomposta di entrambe le ossa della gamba.

Non c’è bisogno di ulteriori accertamenti perché la frattura è evidente. E’ urgente trasportare il ragazzo all’ospedale. I dirigenti della squadra assieme ad altri presenti allertano subito il 118 ma la PET (la postazione di emergenza territoriale) di Trebisacce è fuori sede in quanto impegnata nel trasporto di un infartuato a Rossano. In sostituzione della PET di Trebisacce, secondo le disposizioni impartite dalla centrale operativa del 118, dovrebbe intervenire quella di Cassano Jonio, ma la distanza è tale per il ragazzo che per non perdere tempo prezioso, viene caricato su un’auto (dopo aver apportato un primo intervento medico “fai da te” con una stecca di legno) e trasferirlo all’ospedale di Policoro, nella vicina Basilicata, come spesso avviene, bypassando la carente e distante sanità calabrese.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *