Redazione Paese24.it

Garanzia Giovani Calabria. «Che fine hanno fatto i soldi per i tirocinanti?»

Garanzia Giovani Calabria. «Che fine hanno fatto i soldi per i tirocinanti?»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«Dove sono finiti i soldi destinati ai ragazzi impegnati nel progetto Garanzia Giovani?». A porre la domanda è il segretario questore del Consiglio regionale e fondatore del movimento politico-culturale “Il Coraggio di Cambiare l’Italia”, Giuseppe Graziano. Garanzia Giovani, lo ricordiamo, è un provvedimento promosso a livello europeo a partire dall’aprile del 2013, per favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Il progetto è rivolto ai ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non sono impegnati in un’attività lavorativa né inseriti in un corso scolastico o formativo. L’iniziativa, nata quindi per fornire una boccata d’ossigeno a moltissimi ragazzi che riscontravano delle difficoltà nel trovare lavoro, ha trovato tuttavia un limite non indifferente: le complicazioni, riscontrate da molti tirocinanti, nell’incassare il rimborso spese di 500 € mensili. Anche i giovani calabresi, secondo quanto riferito da Graziano, hanno riscontrato problematiche di questo tipo.

«Garanzia Giovani in Calabria – ha dichiarato Graziano – ha raggiunto risultati importanti in termini numerici; molti ragazzi hanno visto in questo programma un’opportunità per crearsi un lavoro e comunque per uscire, con dignità e con la promessa di percepire un minimo di compenso, dalla situazione di disoccupazione, che dalle nostre parti continua ad essere dilagante. Purtroppo, però – ha denunciato l’esponente del consiglio regionale – la maggior parte dei tirocinanti non ha ancora percepito alcun compenso. Finora da quanto risulta dal sito della Regione Calabria sono stati emessi solo tre mandati di pagamento. Ecco perché chiedo alla Giunta Oliverio – ha concluso Graziano – di essere solerte nell’accelerare i mandati di pagamento e di avviare le opportune verifiche affinché simili e inaccettabili ritardi, a discapito dei nostri giovani e delle loro famiglie, non abbiano più a verificarsi».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *