Redazione Paese24.it

Trebisacce. Malore per una ragazza, PPI decisivo. Ma l’ex ospedale è ormai una “roulette russa”

Trebisacce. Malore per una ragazza, PPI decisivo. Ma l’ex ospedale è ormai una “roulette russa”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Scampato pericolo per una paziente, una ragazza del posto, che nella mattinata di lunedì è stata prima soccorsa e rianimata presso il PPI dell’ex ospedale di Trebisacce grazie al personale sanitario e subito dopo operata d’urgenza al Reparto di Chirurgia dell’ospedale  “G. Compagna” di Corigliano. La ragazza, accompagnata al PPI dai familiari a causa di lancinanti dolori all’addome, è stata soccorsa dal personale medico del PPI con il supporto dei Cardiologi dell’ex UTIC e dell’unica anestesista presente presso l’ex ospedale dopo il trasferimento dell’altro anestesista presso altra struttura ospedaliera dell’ASP

Ognuno, per la parte di sua competenza, ha dato il proprio contributo a fronteggiare l’emergenza, contribuendo a fare la diagnosi ed a prestare le cure del caso ma ancora una volta, come già avvenuto in altre circostanze analoghe, si è dimostrata decisiva la presenza e l’interevento dell’anestesista-rianimatore che, ricorrendo alle metodiche di sua competenza utilizzate nelle situazioni di emergenza, ha contribuito a determinare la diagnosi, ha cambiato la terapia, ha quindi messo in condizione la paziente di riprendere conoscenza, di essere stabilizzata e di essere trasferita in condizioni di sicurezza presso il Reparto di Chirurgia. La storia purtroppo si ripete ma la politica ed il management della sanità calabrese sembrano non accorgersi di niente continuando a tenere ermeticamente chiuso il “Chidichimo” nonostante le reiterate sentenze dei giudici: la gente comune non sa tante cose, non conosce le magagne della politica sanitaria e continua a rivolgersi al PPI pensando di trovare l’ospedale e invece trova solo medici bravi e volenterosi ma troppo spesso costretti a prendere i carboni ardenti con le mani nude. Anche questa volta è andata bene grazie al lavoro di squadra e alla presenza dell’unico anestesista, ma se l’emergenza si fosse verificata di notte oggi staremmo qui, probabilmente, a raccontare una storia con un finale molto diverso.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *