Redazione Paese24.it

Pino Aprile a Rossano. “La Calabria che rema” verso i cittadini

Pino Aprile a Rossano. “La Calabria che rema” verso i cittadini
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Tanta gente, nella serata di mercoledì 20 gennaio, ha partecipato all’incontro-dibattito, organizzato dall’Associazione #‎lacalabriacherema fondata da Daniele Rossi, con la presenza, nella città del Codex, del noto giornalista e scrittore Pino Aprile. L’Associazione, in poco tempo dalla sua costituzione, ha raccolto intorno a se più di duecento associati e vuole rappresentare uno stimolo per la società calabrese, al fine di affrontare i problemi veri della gente e delle imprese prendendo spunto proprio dalle proposte e dalle istanze dei liberi cittadini, stanchi di una politica troppo concentrata su se stessa. All’incontro, tenutosi presso “Le Monde” Lounge Bar allo Scalo cittadino, hanno preso parte, oltre allo scrittore e giornalista Pino Aprile, Daniele Rossi e Giacomo Caputo, rispettivamente fondatore e referente di zona dell’importante Associazione #lacalabriacherema, che si sono confrontati con il pubblico (in sala erano presenti numerosi cittadini, liberi professionisti, docenti, studenti ed anche l’ex assessore al turismo Guglielmo Caputo) intervenuto all’evento, su tematiche quali: la sanità pubblica, i trasporti, l’agricoltura, il turismo, il dissesto idrogeologico, l’emergenza rifiuti, i trasporti, le vie di comunicazione e il lavoro. Interessanti, in modo particolare, gli interventi dei relatori, coordinati dalla giornalista Rossella Galati, i quali si sono soffermati sulle diverse problematiche che, da diversi anni, affliggono la Calabria.

“Anche in questa occasione – ha dichiarato Daniele Rossi – abbiamo voluto presentare le nostre proposte alla gente di Rossano in modo tale da allargare, ulteriormente, la nostra Associazione per riuscire a creare una Calabria migliore. La nostra Associazione è nata per costruire qualcosa di positivo e di trasparente in questa Regione, al fine di formare una rete di intelligenze attive e di esaltare quel senso civico che, purtroppo, è venuto a mancare nella nostra società calabrese. Dobbiamo, dunque, costruire nuovi modelli di società che abbiano come cardine alcuni valori quali: onestà, legalità, efficienza, meritocrazia e giustizia sociale.” Nel corso della chiacchierata, con la presenza anche del noto giornalista e scrittore Pino Aprile, il leitmotiv della serata è stato incentrato su alcuni aspetti del Mezzogiorno d’Italia come riportato nei libri scritti dallo stesso Pino Aprile, tra i più venduti nelle librerie italiane e non solo, come “Terroni,” Il Sud Puzza” e “Giù al Sud.” Al termine dell’interessante incontro-dibattito, poi, si è proceduto alla cerimonia di consegna del premio a quanti si sono distinti, in diversi ruoli, nel territorio. Questi i premiati: Antonio De Benedetto (Fondatore e Presidente dell’Associazione “Atmosfere Bizantine” di Rossano Calabro) per l’impegno speso a favore dell’identità, della storia, della cultura e delle tradizioni; Francesco Rizzo e Antonio Braico dell’Azienda “Clementime,” dedicata all’agrumicoltura, che è tra i maggiori produttori più importanti dell’intera Piana di Sibari; e, infine, ad Emanuela De Simone, la volontaria rossanese, che si è distinta, grazie al suo prezioso impegno, durante l’alluvione che ha colpito Rossano lo scorso 12 agosto 2015.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *