Redazione Paese24.it

Rossano. Replica al veleno di Antoniotti a Graziano: «Non mi schiero con chi ha tradito la città»

Rossano. Replica al veleno di Antoniotti a Graziano: «Non mi schiero con chi ha tradito la città»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

È una “guerra” a suon di comunicati quella tra Forza Italia e l’ex sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti. Il caso politico si è aperto all’indomani dell’inaugurazione della sede rossanese del movimento “Rossano prima di tutto”, nato per sostenere la candidatura a sindaco dell’ex primo cittadino della comunità bizantina. All’appuntamento erano presenti molti attuali esponenti rossanesi del partito di centrodestra, tanto che qualcuno ha insinuato che questo potesse essere un segnale di disgelo tra Antoniotti e Forza Italia. Nulla di più sbagliato. Il consigliere regionale di FI ed esponente del coordinamento provinciale del partito, Giuseppe Graziano, non ha perso tempo e ha immediatamente smentito i rumors circolati in città, affermando che «Antoniotti non sarà il candidato sindaco di Forza Italia alle prossime elezioni comunali».

Lo stesso ex sindaco di Rossano ha risposto per le rime, specificando che quella di Graziano «è una precisazione superflua, perché, come ho già ribadito nelle settimane scorse, non voglio concorrere alle prossime elezioni comunali insieme a Forza Italia. Le strade di chi oggi sostiene il progetto politico del nostro movimento non sono assolutamente convergenti con quelle di chi ha tradito, sia direttamente che di riflesso, la nostra città, lasciandola orfana di una solida guida amministrativa».

Antoniotti ha voluto precisare di non essere distante «dalle linee fondanti e di principio di Forza Italia, con cui ho condiviso una parte del mio percorso politico, ma non posso avere nulla in comune con chi oggi rappresenta a livello locale e territoriale il partito. Anche perché la scelta improvvida di demolire un percorso di Governo avviato nella nostra città, senza alcun motivo logico e concreto, non credo sia stata condivisa all’unanimità da chi, a qualsiasi titolo, fa parte del movimento».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *