Redazione Paese24.it

Rossano, provinciale per centro storico bloccata. In atto manifestazioni di protesta

Rossano, provinciale per centro storico bloccata. In atto manifestazioni di protesta
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Ieri mattina (martedì), nella centralissima Piazza Steri nel cuore del centro storico di Rossano, ha avuto luogo un sit-in di protesta (nella foto in basso) per rivendicare il diritto alla viabilità nella città bizantina dopo la chiusura, dal mese di novembre 2015, della S.P. 188 che collega lo Scalo al centro storico. Alla manifestazione di protesta, organizzata dal Movimento “Terra e Popolo” e dall’Ing. Flavio Stasi (candidato a sindaco), hanno preso parte diversi commercianti del centro storico, esponenti politici locali e numerosi cittadini. Unico assente, per impegni istituzionali, il Commissario Prefettizio del Comune di Rossano.

Sit-in stamani in Piazza Steri a Rossano per rivendicare il diritto alla mobilità(Foto realizzata dal Reporter Antonio Le Fosse)Tutti, nel corso dei loro rispettivi interventi, hanno rimarcato la necessità di riaprire, fin da subito, la S.P. 188 per evitare gli innumerevoli disagi che, di giorno in giorno, si susseguono sulla S.S. 177 con alcuni tratti transennati e ad una sola corsia di marcia dopo i danni provocati dall’alluvione dello scorso 12 agosto. All’evento in città, oltre a molti cittadini, hanno partecipato: l’ex sindaco Giuseppe Antoniotti, gli ex assessori: Giandomenico Federico e Natale Chiarello, gli ex consiglieri comunali: Ernesto Rapani e Adele Olivo, il segretario cittadino del PD, Franco Madeo, il Presidente del Movimento “Raggio di Sole” Giovanni Petrelli, alcuni impiegati della sede INPS di Rossano, il Presidente del Centro per Anziani “San Benigno” con sede nel centro storico, Arturo Grillo, i Verdi di Rossano, i dipendenti della Cooperativa “Neilos” che hanno in gestione il Museo Diocesano di Arte Sacra, il Presidente del Club Trekking Rossano, Lorenzo Cara, ed alcuni rappresentanti di diverse Associazioni operanti nell’importante comune bizantino.

A chiudere gli interventi è stato il promotore dell’iniziativa, Flavio Stasi, il quale ha sottolineato che, a causa della mancanza di fondi economici nell’Ente provinciale, non possono essere eseguiti, al momento, i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del tratto stradale interessato, per cui è necessario mettere in atto una serie di iniziative finalizzate a rivendicare il diritto alla viabilità nella città del Codex. Stamattina (mercoledì 3 febbraio), intanto, è in atto un’altra manifestazione di protesta dinanzi all’ingresso della S.P. 188 (foto in alto) e sarà bloccata, per l’occasione, la S.S. 177 per lanciare un monito al Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Occhiuto, affinché si faccia carico della vicenda e possa avviare, al più presto, i lavori di riqualificazione in modo tale da evitare i numerosi disagi per i tanti cittadini e per quanti lavorano in diverse sedi istituzionali del centro storico.   

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *