Redazione Paese24.it

Trebisacce, liceali al cinema con il vescovo per “Chiamatemi Francesco”

Trebisacce, liceali al cinema con il vescovo per “Chiamatemi Francesco”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

«O cambiamo atteggiamento e diventiamo tutti Bergoglio, altrimenti non avremo futuro e resteremo sudditi e schiavi a vita». E’ questo il forte monito lanciato ai giovani  dal Vescovo di Cassano Jonio mons. Francesco Savino dichiaratosi ormai “calabrese adottivo”, nel commentare il film “Chiamatemi Francesco” a cui, su invito della Dirigente Scolastica Elisabetta Cataldi, ha assistito  presso il Cinema-Teatro Gatto assieme agli studenti del Liceo, Classico e Scientifico “G. Galilei” di Trebisacce.

La visione del film, come ha spiegato la professoressa Cataldi, fa parte di un progetto didattico (referente il prof. Bruno Mandalari) redatto dalla scuola in collaborazione con i titolari del Cinema-Teatro Gatto con l’obiettivo di utilizzare il cinema come linguaggio culturale in grado di affrontare tematiche importanti come “i diritti umani” scelti per la corrente annualità. “Chiamatemi Francesco”, come è noto, è un film in prima visione che racconta in modo molto realistico e senza il filtro cautelativo dell’istituzione ecclesiastica, il percorso di vita che ha portato Jorge Bergoglio, figlio di una modesta famiglia di emigrati italiani in Argentina, alla guida della Chiesa Cattolica. Un viaggio umano e spirituale durato più di mezzo secolo sullo sfondo di una nazione, l’Argentina, che ha vissuto una fase storica molto controversa con cui ha dovuto fare i conti Papa Bergoglio.

Prendendo spunto dal film il Vescovo Savino ha ribadito il suo appello ai giovani a diventare protagonisti: «Per fare questo, – ha ammonito il Presule Savino ricordando le sue sessantottine battaglie giovanili – innanzitutto dovete studiare perché il potere, per poter imporsi, preferisce la gente ignorante e poi – ha aggiunto – ribellatevi a questo stato di cose e promuovete una rivoluzione delle coscienze, altrimenti i calabresi resteranno a lungo i “desaparecidos” dall’agenda politica italiana».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *