Redazione Paese24.it

Case della Salute, non c’è Trebisacce. Segnale riapertura ospedale?

Case della Salute, non c’è Trebisacce. Segnale riapertura ospedale?
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il “Chidichimo” non sarà trasformato in Casa della Salute ma, questa volta, forse è meglio così perché, prima o poi potrebbe tornare ad essere un ospedale. Il condizionale anche questa volta è d’obbligo perché troppe volte sono state alimentate speranze seguite sempre da cocenti delusioni. Anche nell’ultimo caso della sentenza del Consiglio di Stato che ne sanciva la riapertura e che invece, almeno finora, non ha avuto alcun seguito. Ma il pronunciamento dei giudici togati deve aver lasciato il segno nella coscienza dei decisori, tanto è vero che il destino degli “ospedali di confine” di Trebisacce e di Praia a Mare sembra essere “sub judice”.

Tra le 6 Case della Salute individuate in Calabria e destinatarie dei 50milioni di euro del Fondo PAC (patto di azione e coesione) non ci sono più più i suddetti ospedali che risultavano invece presenti nell’elenco originario. Un’esclusione, questa, che però questa volta potrebbe essere un buon segnale e preludere alla riapertura, seppure parziale, dei due presidi sanitari. Andando nel dettaglio dei fondi assegnati, risulta che le analisi dei costi che devono precedere l’inizio dei lavori sono già stati eseguiti per le Case della Salute di Siderno, Chiaravalle e San Marco Argentano.

Alle predette strutture sanitarie di cui sono già state eseguite le analisi tecniche e dei relativi costi, si aggiungeranno presto le altre 3 Case della Salute che sono state previste a Mesoraca (CZ), a Scilla (RC) e a Cariati (CS). Restano fuori, per il momento, le Case della Salute di Praia a Mare e Trebisacce che, da quanto si dice in giro, sarebbero oggetto di una rivisitazione programmatica alla luce delle Sentenze del Consiglio di Stato che ne hanno imposto la riapertura.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *