Redazione Paese24.it

Spezzano Albanese celebra i “Giusti nel mondo”

Spezzano Albanese celebra i “Giusti nel mondo”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Saranno il magistrato Rocco Chinnici e la studentessa tedesca Sophie Scholl i “giusti” che quest’anno verranno celebrati nell’Istituto Comprensivo di Spezzano Albanese, scuola che – con soddisfazione della preside Rosina Costabile – aderisce alla Giornata europea in memoria dei “Giusti nel mondo”. Il primo anno è stato piantato un albero in memoria del ciclista Bartali, l’anno scorso invece sono stati due gli alberi piantati, uno in memoria di Papa Roncalli e l’altro per Giorgio Perlasca. Quest’anno, una magnolia e l’alloro in onore del magistrato Chinnici e della studentessa Scholl, a cui saranno dedicati laboratori didattici durante la tre giorni di iniziative, a cui aderiranno alunni e famiglie.

Mercoledì (9 marzo), invece, presso la sala consiliare del Comune di Spezzano, alle ore 17, si terrà un convegno sul tema dei giusti. I lavori, introdotti e coordinati dalla dirigente Rosina Costabile, vedranno i saluti del sindaco Ferdinando Nociti, dell’ispettore emerito Francesco Fusca, del direttore della locale Bcc Mediocrati Luigi Bettolino, del giornalista Emanuele Armentano e del dirigente Atp Cosenza Luciano Greco. Interverranno, poi, il Procuratore capo del Tribunale di Castrovillari, Eugenio Facciolla, il membro della Rete Universitaria Alessandra Carelli, la referente provinciale di “Libera” Marta Perrotta, e il coordinatore Don Tommaso Scicchitano, il referente della comunità ebraica di Napoli, Roque Pugliese.

« Il fine – ha dichiarato la preside Costabile – è quello di far comprendere come accanto al male esiste il bene ed è questo messaggio che i ragazzi devono capire, ossia che attraverso un evento personale si può cambiare la storia. Lo stimolo, dunque, sarà quello di sensibilizzare a prendere posizione contro il male così come fanno le Forze dell’Ordine e la Magistratura. Quest’anno – ha aggiunto – abbiamo voluto onorare un giusto di mafia».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *