Redazione Paese24.it

Oriolo, PD guarda ai Fondi Comunitari per rilanciare il settore agricolo

Oriolo, PD guarda ai Fondi Comunitari per rilanciare il settore agricolo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Puntare al potenziamento del comparto agricolo per rilanciare l’economia del territorio, questo il tema principale dell’iniziativa organizzata dal Partito Democratico di Oriolo, Sabato 5 Marzo al Teatro Valle. Al centro del dibattito, l’importanza di rilanciare l’agricoltura e le specialità autoctone del territorio, un settore che rappresentava la principale fonte di reddito dei cittadini fino agli anni settanta, e che costituiva un tessuto economico di micro-imprese che reggeva l’ossatura economica del territorio.

Dal dibattito é emersa la necessità di modernizzare quei processi agricoli che in passato hanno reso Oriolo un territorio fiorente grazie a gente laboriosa e operativa, e salvaguardare le colture locali, per essere immesse in un mercato più innovativo e al passo coi tempi. L’interesse, perciò, si focalizza sulla prossima programmazione dei fondi comunitari 2014-2020, che potranno diventare un valido strumento a supporto dell’agricoltura per scongiurare il rischio spopolamento delle aree interne della Calabria e creare occupazione. L’evento, organizzato e moderato dal segretario piddino di Oriolo, Simona Colotta, ha visto la partecipazione di numerosi ospiti, tra cui il Direttore di A.R.C.E.A., Maurizio Nicolai, il prof. Antonino De Lorenzo, ordinario dell’Università di Tor Vergata, Direttore della Scuola di Specializzazione di Scienza dell’Alimentazione, l’on. Enza Bruno Bossio, deputato PD, il Sindaco di Trebisacce Franco Mundo, e il segretario del PD di Trebisacce Pierfrancesco De Marco. 

Giovanni Pirillo

Share Button

One Response to Oriolo, PD guarda ai Fondi Comunitari per rilanciare il settore agricolo

  1. Redazione Paese24.it 2016/03/10 at 18:46

    Ricordiamo ancora una volta che i commenti, per essere approvati, devono riportare nome e cognome reali dell’autore, supportati da una e-mail valida. La redazione

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *