Redazione Paese24.it

Castrovillari, continua querelle sulla discarica. Agricoltori pronti al presidio

Castrovillari, continua querelle sulla discarica. Agricoltori pronti al presidio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Il Comitato “Cammarata contro la riapertura della discarica di Campolescio” è pronto, ancora una volta, alla mobilitazione. Dopo la manifestazione del 20 febbraio, per domani (15 marzo) è indetto un presidio democratico presso la discarica (nella foto), al centro di numerose polemiche in questi giorni sulla sua chiusura definitiva, come vorrebbero gli agricoltori del distretto alimentare di contrada Cammarata, o sulla sua «riattivazione provvisoria» sponsorizzata dall’Amministrazione comunale, necessaria secondo gli amministratori per risparmiare denaro nella gestione rifiuti.

Intanto, sabato pomeriggio, nel corso di un incontro a Palazzo Gallo, è emersa la volontà (più volte ribadita) del sindaco Lo Polito di “tombare” la discarica a patto che si trovino gli 800.000 euro necessari, ribadendo altresì l’interesse a promuovere un tavolo tecnico presso la Prefettura di Cosenza dove tutti gli attori interessati possano discutere a fine di trovare la soluzione migliore per la discarica. Ma il comitato contro la discarica lamenta il fatto che il tavolo tecnico non sia stato ancora aperto, nonostante il primo cittadino abbia dichiarato di averlo richiesto per iscritto alla Prefettura. Nel frattempo gli agricoltori denunciano l’inizio dei lavori per la messa in sicurezza e riapertura della discarica, e per questo domattina presiederanno la zona.

Vincenzo La Camera

Share Button

One Response to Castrovillari, continua querelle sulla discarica. Agricoltori pronti al presidio

  1. irene 2016/03/14 at 16:35

    Bravissimi. Non si può molare. Questa Amministrazione ci fanno soffocare e producono solo Umiliazioni! Ma qualcuno di quei signori si rendono conto che a messo questa bella cittadina in Ginocchio?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *