Redazione Paese24.it

Alto Jonio, assessore regionale Musmanno promette una rivoluzione nei trasporti

Alto Jonio, assessore regionale Musmanno promette una rivoluzione nei trasporti
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Incontro con MusmannoRiorganizzare tutta la rete del trasporto pubblico in Calabria per evitare gli sprechi e per riequilibrare l’offerta di mobilità su tutto il territorio regionale. E’ l’impegno solennemente assunto dall’assessore regionale ai Trasporti prof. Roberto Musmanno che ieri mattina (lunedì), a seguito delle sollecitazioni del presidente della Commissione Trasporti della Regione Mimmo Bevacqua e del sindaco di Trebisacce Franco Mundo, ha incontrato i sindaci dell’Alto Jonio, le associazioni e le forze sociali che lamentano da tempo il crescente isolamento in cui è relegato il Comprensorio per la ormai definitiva scomparsa dei treni e per la drastica riduzione delle corse degli autobus da parte della Regione.

All’incontro operativo, ritenuto da tutti molto efficace e costruttivo, oltre al presidente Bevacqua, ha partecipato anche il dottor Rocco Carlomagno titolare dell’azienda di trasporti Saj che nell’Alto Jonio assicura i collegamenti tra i paesi montani e quelli con la Litoranea e che, sostituendosi ai treni ormai scomparsi, collega Trebisacce e l’Alto Jonio al capoluogo di Provincia Cosenza e, attraverso una serie di corse interregionali, al resto d’Italia. A prendere l’iniziativa di questo incontro, d’intesa con i sindaci dei paesi interni nei quali di recente c’è stato un drastico taglio di corse, è stato il primo cittadino di Trebisacce Franco Mundo che ha evidenziato tra l’altro come l’Alto Jonio sia l’unico Comprensorio calabrese privo di un collegamento diretto con l’aeroporto regionale e soprattutto con la città capoluogo di Catanzaro.

otium banner b

L’assessore Musmanno, dimostrando un’approfondita conoscenza dei territori e delle problematiche inerenti il trasporto pubblico ha spiegato, da perfetto docente universitario, come si possono reperire risorse mettendo ordine nell’attuale situazione di caos e di sprechi per riequilibrare un sistema definito “a gomitolo” che presenta pesanti e costose sovrapposizioni di corse in alcuni tratti a scapito di un servizio più equilibrato e soddisfacente. Prendendo ad esempio uno di questi tratti l’assessore Musmanno ha rivelato che nel tratto Lamezia-Catanzaro insistono ben 89 corse giornaliere di autobus e che spesso e volentieri le corse dei treni e quelle degli autobus si sovrappongono lasciando scoperti interi territori.

Da sinistra: Mundo, Musmanno e Bevacqua

Da sinistra: Mundo, Musmanno e Bevacqua

«Per mettere ordine nel caos nel quale finora le aziende di trasporto hanno “sguazzato” e per reclutare risorse da distribuire laddove la mobilità è in crisi – ha ammonito l’assessore Musmanno – bisogna abbandonare l’idea dell’autobus che prende l’utente sotto casa e lo accompagna a destinazione senza tappe intermedie. Per far bastare le risorse disponibili (191milioni dello Stato, 25milioni della Regione e 20milioni di premialità), stiamo mettendo mano ad una vera rivoluzione riorganizzando tutta la rete trasportistica regionale prevedendo “snodi” di I° e 2° livello in grado di convogliare e smistare l’utenza verso le destinazioni più importanti.

Per fare questo – ha aggiunto il prof. Musmanno ragionando come esperto e non come politico – chiediamo la collaborazione delle 28 aziende regionali di trasporto che devono evitare di “scannarsi” tra loro a discapito dell’utenza e mirare semmai ad un sistema consortile che aiuti la Regione a razionalizzare costi e benefici a esclusivo interesse dell’utenza». Il titolare della Saj, da parte sua, si è dichiarato disponibile a collaborare al nuovo progetto non prima però di aver sottolineato che nel frattempo nel’Alto Jonio la Regione ha tagliato i trasporti del 20% ed ha abolito la corsa per Catanzaro. Diversi sindaci hanno apprezzato e preso per buono il progetto a cui sta lavorando l’assessore ma hanno ribadito le gravi criticità di un territorio troppo marginalizzato. Buone notizie comunque per quanto riguarda i treni a lunga percorrenza: dal prossimo 21 giugno, con il nuovo orario estivo, la Regione ha proposto a Trenitalia l’allestimento di due corse di treni giornalieri Paola-Bari in modo di consentire la coincidenza con i treni veloci della Tirrenica ma tutto questo, secondo l’assessore, non dipende dalla regione ma da Trenitalia e dal Governo.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Alto Jonio, assessore regionale Musmanno promette una rivoluzione nei trasporti

  1. Lupo Rosso 2016/03/18 at 13:03

    Resta il fatto che treni per collegare da Bari tutto l’alto ionio non ne esistono più e che diretti come il Crotone o Reggio – Milano neanche e l’utenza é in pienissima crisi!!!
    Tutto questo non va bene, perché si continuano a pagare le tasse senza avere i servizi, datevi una mossa perché siamo stufi ma non stupidi!!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *