Redazione Paese24.it

Francavilla. C’è fermento per le Comunali, ma il sindaco Valente non vuole ricandidarsi

Francavilla. C’è fermento per le Comunali, ma il sindaco Valente non vuole ricandidarsi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

aaaMentre ad Amendolara sarà quasi certamente gara a due tra il sindaco in carica Antonello Ciminelli e il suo sfidante Franco Martorano, a Francavilla Marittima, uno dei due centri più popolosi dell’Alto Jonio chiamati alle urne per il rinnovo dei consigli comunali (gli altri due comuni più piccoli sono Albidona e San Lorenzo Bellizzi), si lavora sotto traccia e, anche se non mancano le indiscrezioni, niente al momento viene dato per certo e tutto è ancora in divenire. Una notizia per la verità c’è ed è anche clamorosa: il sindaco in carica Leonardo Valente (nella foto) la cui candidatura veniva data per scontata e che guida una Maggioranza scaturita da una lista civica che guarda verso il centro-destra e in cui sono confluiti anche alcuni fuoriusciti dalla Minoranza, nei giorni scorsi ha radunato i suoi ed ha annunciato la volontà di non ricandidarsi rimettendo perciò il mandato nelle mani del suo gruppo per favorire eventuali altre candidature.

«Siccome non faccio politica per professione, – ha dichiarato l’avvocato Leonardo Valente – non mi sento per niente legato ad una poltrona che non è per niente agevole e che alla distanza stanca non poco. Ho deciso perciò di farmi da parte sia per dedicarmi a tempo pieno alla professione e alla famiglia, sia per dare spazio ad altri eventuali candidati». Messo alle strette il sindaco Valente non ha comunque escluso, qualora si dovessero determinare particolari condizioni, di mettersi a disposizione del gruppo.

Niente di definito invece nel campo avverso laddove, nella crisi imperante dei partiti, la situazione risulta abbastanza nebulosa e anche controversa. Ne è la prova provata il fatto che la Minoranza, indebolita dalla fuoriuscita di alcuni consiglieri trasferitisi in Maggioranza, annaspa da tempo e, da quanto è dato sapere, da qualche tempo non frequenta neanche i consigli comunali.

otium banner b

La frammentazione politica del resto è confermata dal fatto che, secondo indiscrezioni raccolte, in vista della Amministrative del 12 giugno al momento ci sarebbero tre iniziative politiche su altrettanti fronti: la prima nell’ambito del centrosinistra all’interno del quale, grazie al momento di spolvero della politica regionale, si cercherebbe di mettere insieme i cocci, ma non ci sarebbe ancora un candidato a sindaco in grado di polarizzare le forze. La seconda iniziativa nascerebbe all’interno del Partito Socialista che a Francavilla, seppure abbastanza datata, ha una buona tradizione e la terza ipotesi sarebbe quella costituita da un manipolo di giovani (5Stelle?) che, con la benedizione di un ex sindaco, vorrebbero dar vita a una rivoluzione generazionale al fine di determinare un sostanziale avvicendamento politico e amministrativo.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *