Redazione Paese24.it

Albidona, giallo su sfiducia a sindaco Aurelio. Intanto i socialisti cercano nuovo candidato

Albidona, giallo su sfiducia a sindaco Aurelio. Intanto i socialisti cercano nuovo candidato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nella foto, il Municipio di Albidona

Il Partito Socialista di Albidona, acquisita la volontà del sindaco in carica Salvatore Aurelio di non volersi ricandidare, ha convocato per martedì 29 marzo alle ore 18.30 un’assemblea di partito aperta al pubblico nel corso della quale saranno raccolti suggerimenti e proposte per la scelta del candidato a sindaco alle Amministrative del 5 o del 12 giugno 2016. E’ quanto ha dichiarato ufficialmente il Segretario del partito nonché Assessore esterno del Comune Giovanni Munno dando per acclarata la decisione dell’attuale sindaco di non ri-candidarsi per la terza consiliatura.

Contrariamente alle voci fatte circolare in paese in base alle quali il primo cittadino sarebbe stato sfiduciato dai suoi, lo stesso attuale primo cittadino ha tenuto a precisare di non essere stato sfiduciato ma di aver convocato i consiglieri di Maggioranza che continuano a sostenerlo ed ha comunicato loro la decisione di rinunciare ad una eventuale sua terza candidatura a causa delle intimidazioni subite nei mesi scorsi. All’incontro, secondo quanto si è saputo, non sono stati invitati due avversari interni mentre un terzo dissidente, sentendosi legittimato ad essere presente, si sarebbe presentato da solo anche se non era stato convocato. Martedì sera, dunque, si saprà qualcosa in più circa il nome destinato a raccogliere l’eredità dell’attuale sindaco quale rappresentante di un Partito Socialista che amministra Albidona da una vita ma che, a distanza di oltre 50 anni dalla prima consiliatura guidata dall’ex deputato Antonio Mundo, dimostra non pochi segni di logorio.

otium banner b

«Tra l’amministrazione comunale e i cittadini – ha dichiarato a conferma di questo assunto Leonardo Golia attuale assessore e concorrente alla nomination – si è determinata una voragine per cui la scelta della squadra da presentare agli elettori per tentare di dare spessore al governo del paese deve essere il più collegiale possibile e scaturire da una decisione collettiva e condivisa dalle forze politiche e sociali ma soprattutto dalla società civile. Lo stesso candidato a sindaco non lo si può improvvisare prendendone uno a caso ma – ha concluso Golia dicendosi pronto a mettersi da parte se ci sarà un candidato con le carte più in regola di lui – deve avere la necessaria esperienza politica e la conoscenza approfondita delle dinamiche che si agitano in un paese che negli ultimi tempi ha dimostrato non poche criticità non solo in ambito economico e sociale ma anche nella tenuta dell’ordine pubblico».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *