Redazione Paese24.it

San Lorenzo Bellizzi, primi risultati per “albergo diffuso” nel centro storico

San Lorenzo Bellizzi, primi risultati per “albergo diffuso” nel centro storico
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’antico borgo montano di San Lorenzo Bellizzi punta alla promozione del cosiddetto “albergo diffuso” per rivitalizzare il centro storico e attrarre nuovi residenti. Continua infatti, e si stanno cogliendo già i primi risultati, l’opera di riqualificazione e di commercializzazione del patrimonio immobiliare di proprietà comunale portata avanti dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Cersosimo. Buona parte del borgo antico di San Lorenzo Bellizzi, a causa di una frana di vaste proporzioni verificatasi negli anni ‘60, è stata abbandonata perché le abitazioni erano pericolanti e la fetta di popolazione che vi abitava, tramite un’operazione di scambio, è stata delocalizzata nel nuovo nucleo urbano di contrada Sgrotto dove, con finanziamenti pubblici, sono state realizzate nuove abitazioni.

otium banner b

Le abitazioni vecchie e pericolanti del centro storico (una sessantina) sono state acquisite al patrimonio comunale. Dal momento che la parte del paese soggetta a frana è stata successivamente risanata e messa in sicurezza sempre con copiosi finanziamenti pubblici, il Comune ha promosso un Bando pubblico mettendo in vendita, a un prezzo simbolico ma a determinate condizioni, un primo lotto (24) di abitazioni. Il patto era che entro un anno dall’atto di compravendita l’acquirente, per poterlo abitare, magari a livello stagionale, si impegnava a ristrutturare l’immobile. Come contropartita il Comune, per incentivarne l’acquisto, si impegnava all’abbattimento della fiscalità comunale per i primi cinque anni. Da quanto è dato sapere, una parte dei 24 immobili messi in vendita sono già stati acquistati, prevalentemente da famiglie pugliesi, e per altri sono in corso trattative serrate per l’acquisto. Acquistare a un prezzo simbolico una seconda casa in montagna, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, a due passi dalle rinomate Gole del Raganello, in una natura incontaminata e selvaggia e a mezzora di distanza dal mare, viene considerato un vero e proprio investimento. Ecco perché l’operazione avviata dal Comune può risultare vincente e attrarre nuovi residenti che contribuiscono in modo diretto a ripopolare il borgo antico e in modo indiretto a rivitalizzare, attraverso l’indotto, la fragile economia del paese, impedendo così il triste fenomeno dello spopolamento che interessa molti comuni delle aree interne.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *