Redazione Paese24.it

Olio tunisino spaventa produzione calabrese. «Qualità inferiore, compriamo il nostro»

Olio tunisino spaventa produzione calabrese. «Qualità inferiore, compriamo il nostro»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L’importazione dell’olio tunisino sul mercato italiano potrebbe mettere a serio rischio la produzione calabrese di qualità. E’ il grido d’allarme lanciato in queste ore da UDICON (Unione per la DIfesa del CONsumatore) e FNA (Federazione Nazionale Agricoltura). La Calabria si colloca nel mercato dell’olio con numeri di tutto rispetto: 21 varietà di olive, con il riconoscimento di ben tre Dop, 50 filiere certificate, 754 frantoi attivi, diversi centri di imbottigliamento e oltre 137 mila aziende, seconda produttrice di olio dopo la Puglia.

Ferruccio Colamaria (responsabile provinciale Udicon) e Mario Smurra (vice segretario nazionale Fna) si oppongono con forza a questa «scelta scellerata» dell’Unione Europea per l’importazione di olio tunisino a dazio zero, invitando i consumatori ad acquistare solo olio calabrese. «L’ingresso dell’olio tunisino sugli scaffali della piccola, media e grande distribuzione, è una questione che deve interessare e preoccupare sia le famiglie che l’imprenditoria a tutti i livelli – commentano Colamaria e Smurra -. Il costo inferiore dell’olio rispetto a quello calabrese dovrebbe dirla già lunga sulla qualità del prodotto; ma se questo dato, da solo, non dovesse bastare, pensiamo – aggiungono – alle diverse realtà produttive che saranno costrette a chiudere per via di questa concorrenza».

Vincenzo La Camera

 

Share Button

One Response to Olio tunisino spaventa produzione calabrese. «Qualità inferiore, compriamo il nostro»

  1. irene 2016/03/26 at 23:15

    Dobbiamo difendere la qualità del prodotto italiano con tutti i mezzi. Per me unico olio d’oliva e quello calabrese e che da NESSUNA parte del mondo NON potrebbe esistere. Non ho capito perché i politici fanno umiliare agricoltori (che anno le mani D’ORO) e aziende agricole (sane e lavorano con DIGNITÀ)? Non lo dobbiamo permettere MAI !

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *