Redazione Paese24.it

Regione-Trenitalia, in arrivo il terzo “treno swing”. E’ il turno dell’Alto Jonio?

Regione-Trenitalia, in arrivo il terzo “treno swing”. E’ il turno dell’Alto Jonio?
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Linea Ferroviaria Jonica: dopo anni di tagli e di soppressioni di treni qualcosa si muove sul territorio che fu la culla della Magna Grecia, ma il tratto Sibari-Metaponto-Taranto rimane tuttora un binario morto confermandosi l’anello debole del circuito Jonio-Adriatico. Qui i treni sono ormai scomparsi e al loro posto continuano a scorazzare gli autobus sostitutivi che non fanno altro che aumentare il traffico sulla tristemente nota “strada della morte” mettendo a rischio la vita dei tanti passeggeri pendolari che si spostano quotidianamente verso la Puglia sia per lavoro che per studio.

In realtà sulla rimanente tratta della linea jonica che va da Sibari a Reggio C. qualche debole segnale di cambiamento c’è stato ed è da ascrivere a merito del governo regionale che ha investito un bel gruzzolo di risorse per acquistare i tre ATR 220 “Swing” di cui due sono già in funzione e fanno la spola tra Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone e Sibari. Finalmente, grazie al totale risanamento del debito di 138milioni di euro che la Regione Calabria aveva contratto in questi ultimi anni con Trenitalia, per la nostra regione si riapre un’era di investimenti sul ferro ma anche i nuovi treni che marciano a ritmo di “Swing” restano off-limits per l’Alto Jonio cosentino che, fino a prova contraria, fa ancora parte della Calabria, almeno fino a quando le popolazioni locali non decideranno di fare le valigie e passare con la Basilicata.

otium banner a

Infatti anche il terzo treno-Swing che dovrebbe arrivare entro il mese di aprile, è difficile che, nascendo da un accordo tra Regione Calabria e Trenitalia, venga impiegato sulla tratta Sibari-Metaponto-Taranto perché sforerebbe in Basilicata e Puglia. E’ facile dunque immaginare che anche il terzo convoglio venga impiegato sulla stessa linea degli altri due, e cioè fino a Sibari, lasciando così… a piedi l’Alto Jonio cosentino che continua a rimanere terra di nessuno. Del resto lo stesso assessore regionale ai Trasporti Roberto Musmanno, impegnato nell’impresa titanica di mettere ordine nel Piano Regionale dei Trasporti, pur essendo di Castrovillari e quindi a conoscenza della geografia della Calabria Settentrionale, ha dato per scontato che i treni regionali debbano avere Sibari come capo-linea, trascurando il fatto che da Sibari a Rocca Imperiale ci sono altri 50 km. di Calabria e 54mila calabresi.

Per la verità lo stesso assessore, resosi conto del grave isolamento ferroviario del territorio Sibaritide-Pollino rispetto al resto d’Italia, ha rivelato di aver chiesto a Trenitalia l’istituzione di due nuovi convogli sulla tratta Paola-Bari per consentire alle nostre popolazioni di raggiungere sia Bari che Paola e incrociare i treni veloci per il centro-nord-Italia. Conoscendo però la filosofia del costo-beneficio a cui si è ormai votata Trenitalia, è difficile farsi troppe illusioni. In attesa però dell’orario estivo per verificare se Trenitalia avrà accolto l’appello dell’assessore circa i due nuovi treni, farebbero bene i sindaci dell’Alto Jonio a farsi sentire presso il governo regionale per dire che la Calabria non finisce a Sibari ma a Rocca Imperiale e che in questo lembo di Calabria ci sono cittadini che reclamano gli stessi diritti degli altri.

Pino La Rocca

Share Button

2 Responses to Regione-Trenitalia, in arrivo il terzo “treno swing”. E’ il turno dell’Alto Jonio?

  1. Francesco Lazzaro 2016/03/29 at 17:51

    L’utilizzo dei treni Swing sulla tratta Sibari – Metaponto – Taranto, però, sarebbe in parte inappropriato in quanto questi sono treni diesel e sono solo due (in prospettiva tre), quindi sarebbe un po’ uno “spreco” utilizzare del materiale rotabile di ultima generazione a trazione diesel su una linea elettrificata (la Sibari – Taranto), sottraendolo alla Reggio – Sibari (non elettrificata), dove in alternativa possono girare solo automotrici degli anni 70-80..
    Avrebbe più senso utilizzare del materiale elettrico, come quello che gira sulla Tirrenica ad esempio (minuetto o composizioni con X ristrutturate).. Il materiale diesel sarebbe il caso di utilizzarlo solo per le corse a “lunga percorrenza”, ormai praticamente inesistenti (a eccezione dell’unico treno Reggio – Taranto e vv rimasto), utili a collegare Reggio/Catanzaro Lido/Crotone a Taranto/Bari.. ma visto che non sembra facile riuscire a raggiungere un accordo tra Calabria, Basilicata e Puglia per dividere le spese di finanziamento del servizio, l’opzione più facile per rivedere collegamenti diretti su questa linea è quella di farli non con treni regionali (Swing, Minuetto, e simili, finanziati dalle Regioni), ma con treni nazionali (Intercity, finanziati dal Ministero), seguendo quindi l’idea dell’Assessorato, come scritto nell’articolo..

    Rispondi
  2. Gino Larosa 2016/03/29 at 22:43

    I nuovi Treni Regionali “Swing” devono rilanciare la Ferrovia Jonica con numerosi collegamenti per Reggio Calabria, Crotone e Lamezia Terme, per dare un servizio veloce con le città dei tre Aeroporti della Calabria. Questi collegamenti sono fondamentali per lo sviluppo di tutta la fascia Jonica calabrese ! ! ! ! !

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *