Redazione Paese24.it

Amendolara, nasce il Consorzio di Tutela e Valorizzazione della Mandorla IGP

Amendolara, nasce il Consorzio di Tutela e Valorizzazione della Mandorla IGP
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sono passati pochi mesi dal convegno di fine novembre sulla mandorla di Amendolara e le promesse fatte in quella sede per il rilancio del prezioso frutto sembrano ad oggi trovare riscontro. Dopo l’interessamento dell’Università della Calabria ed alcune iniziative di sensibilizzazione, giovedì 31 marzo alle ore 18 in Comune nascerà il Consorzio di Tutela e Valorizzazione della Mandorla IGP (Indicazione Geografica Protetta). Un punto di partenza, e non certo un punto di arrivo, che attraverso l’auspicato ritorno alla produzione della mandorla, in maniera scientifica e capillare, potrà portare il frutto che ha dato il nome al paese di Amendolara a diventare un’eccellenza, creando attorno a sé un importante indotto economico. L’unica strada per raggiungere simili risultati, dando ad Amendolara una dimensione agroalimentare è riuscire a fare rete, appunto consorziandosi.

otium banner a

Da martedì 29 marzo a martedì 6 aprile sono aperte le adesioni al nuovo Consorzio, attraverso appositi moduli che si possono ritirare presso l’Ufficio Protocollo del Comune. Contestualmente, un ambizioso progetto del sindaco Antonello Ciminelli è quello di realizzare il primo mandorleto comunale sul territorio italiano.

Vincenzo La Camera

Share Button

6 Responses to Amendolara, nasce il Consorzio di Tutela e Valorizzazione della Mandorla IGP

  1. serafino grisolia 2016/03/30 at 12:43

    A me sembra più un consorzio politico

    Rispondi
  2. giuseppe caligiuri 2016/03/31 at 11:55

    bella idea ! bravi !

    Rispondi
  3. PAGANO GIUSEPPE 2016/03/31 at 13:06

    Quelli di sinistra ,in particolar modo i “poveri cristi” e quelli più illusi perchè non in grado di comprendere i propri limiti,in special modo culturali,hanno la mala fede che ogni iniziativa in qualsiasi campo e nella fattispecie in agricoltura da parte della sponda opposta sia speculativa per i propi fini propagantistici.Fate ridere anche i polli.Provate a guardare la vostra storia.Utopia.

    Rispondi
  4. serafino grisolia 2016/03/31 at 20:24

    Povera Amendolara …….

    Rispondi
  5. GIUSEPPE PAGANO 2016/04/02 at 13:22

    La cultura di un individuo non si misura sul titolo di studio posseduto,bensì sulla capacità dello stesso di discernere,interagire,rispettare,criticare,contribuire,aiutare,impegnarsi,fare ciò che si vuole nel rispetto dell’altro ed essere ,soprattutto in buona fede,sempre,e comunque essere sempre umili.Questi valori non appartengono a molti di noi Amendolaresi che grazie a te che continui a sparare cazzate ed altri come te, riducono Amendolara povera sotto tutti gli aspetti.

    Rispondi
  6. Serafino 2016/04/11 at 13:01

    Sono contento che Amendolara e resa ricca da lei e quelli come lei emozionante

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *