Redazione Paese24.it

Morano, “Il medico dei pazzi” saluta la XV stagione di TeatroMusica

Morano, “Il medico dei pazzi” saluta la XV stagione di TeatroMusica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

All’auditorium comunale, domenica 10 aprile, ultimo appuntamento con la XV Stagione di TeatroMusica, ideata ed organizzata da L’Allegra Ribalta presieduta da Massimo Celiberto. Protagonisti della scena saranno proprio i padroni di casa de L’Allegra Ribalta che porteranno in scena “’O miedeco d’e pazze” di Eduardo Scarpetta. Lo spettacolo in tre atti, diretto da Casimiro Gatto, avrà inizio alle 19,30 e sarà replicato domenica 24 aprile alla stessa ora. “’O miedeco d’e pazze!”, il punto d’esclamazione è autografo sul copione del 1908 di Eduardo Scarpetta, è certamente una delle sue opere più popolari e rappresentate, cavallo di battaglia di molti grandi interpreti del nostro teatro di tradizione, in cui ritroviamo l’invenzione di quella straordinaria maschera comica che è Felice Sciosciammocca, personaggio creato da Scarpetta e che l’interpretazione cinematografica di Totò ha reso indelebile nella memoria degli spettatori.

Riadattamento di una pochade francese così in voga all’inizio del secolo scorso, la farsa in tre atti, è un gioiello di comicità, un continuo susseguirsi di equivoci e situazioni imbarazzanti che pone al centro della vicenda la pazzia a cui, reale, presunta o simulata, si sono riferiti molti commediografi, romanzieri, poeti e artisti in genere nel corso dei secoli, tanto nell’inquadrarne gli aspetti di dolore e di sofferenza dell’anima, quanto nel farne oggetto d’irrisione ovvero di motore di equivoci e malintesi dal risvolto umoristico.

Scarpetta con “’O miedeco d’e pazze!” volle ritrarre gli aspetti più ironici della pazzia tant’è che più ancora che una follia simulata egli mette in scena una menzogna ben macchinata, ricca di situazioni ridicole ed equivoche, da parte di uno psichiatra millantatore, che, con sorprendente facilità, riesce a far ritener insani di mente agli occhi dello zio Felice proveniente dal paesello, degli ignari ospiti e proprietari di una pensione napoletana.

La redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *