Redazione Paese24.it

Al teatro di Cassano in scena “Un marito per mia moglie”

Al teatro di Cassano in scena “Un marito per mia moglie”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Due serate al teatro comunale di Cassano per la commedia di Mimmo Titubante, “Un marito per mia moglie”, portata in scena sabato e domenica (23 e 24 aprile) dalla compagnia dell’associazione culturale Enotri di Lauropoli, per la regia di Dino Pittelli. La rappresentazione rientra nella rassegna “L’altro Teatro”, nell’ambito della X stagione teatrale organizzata dall’Associazione Novecento, per la direzione artistica di Benedetto Castriota e patrocinata dall’Amministrazione comunale di Cassano.

Nella commedia l’equivoco la fa da padrone, creando situazioni qualche volta drammatiche, spesso paradossali, che portano lo spettatore a sorridere e a ridere di gusto. Protagonista è un personaggio ipocondriaco, Paolo (Mario Ferraro), convinto che ormai sia iniziato, inesorabilmente, il suo conto alla rovescia. In questo contesto si aggiunge poi una mogliettina fin troppo paziente, un collega premuroso, un’amica fuori di testa, un impresario di pompe funebri troppo frettoloso, un ex fidanzato disponibile. L’irrefrenabile voglia di Paolo di mettere tutto a posto prima di lasciare per sempre questa breve vita, si intreccia in una in una storia fatta di equivoci e situazioni divertenti.

Nel  cast: Mario Ferraro, Marisa Aloise, Giulia Castellano, Anselmo Santoro, Simone Di Bello, Dino Pittelli che ha curato la regia coadiuvato da Peppino Miccoli. La scenografia è stata firmata da Enzo Palazzo e realizzata da Vincenzo Atene, mentre audio, musiche e luci da Liborio Salerno.

Soddisfatto per l’esito delle due serate il regista, nonché presidente dell’Associazione, Dino Pittelli: «Scopo principale del nostro lavoro – precisa – è quello di portare la gente a teatro. Evadere, ridendo e sorridendo e, nel contempo – aggiunge Pittelli – proporre un momento di socializzazione e di formazione perché, qualsiasi genere affronti, dal drammatico al comico, il teatro è sempre educativo, formativo e terapeutico».

Redazione

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *