Redazione Paese24.it

Amministrative Albidona, scendono in campo i giovani “rottamatori”

Amministrative Albidona, scendono in campo i giovani “rottamatori”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Largo ai giovani ed al superamento dei soliti steccati ideologici che per lungo tempo hanno generato incomprensioni e lacerazioni nella comunità. E’ questo, in vista della imminente campagna elettorale, l’appello dei giovani di Albidona che hanno finalmente scelto di essere protagonisti del cambiamento. Lo hanno fatto, secondo quanto scrivono in un documento, «attraverso un percorso democratico teso a superare ogni colore politico nel tentativo di unire tutta la popolazione, con l’unico obiettivo di rivitalizzare il nostro paese attraverso una nuova compagine politico-amministrativa. Abbiamo iniziato un percorso – aggiungono i giovani dichiarandosi sicuri del successo – e lo porteremo a termine con estrema determinazione e senza cadere in tentazioni e tranelli.

volantino per tipografia

Sappiamo – si legge ancora nel documento – che i nostri avversari sono spietati, come del resto era previsto: le proveranno tutte pur di portarci allo scontro, ma noi, pur non avendo alcun timore, non reagiremo e alla fine siamo sicuri che il coraggio ci premierà. Faremo – assicurano – una campagna elettorale pulita e improntata ad estrema educazione perché noi siamo quelli della “faccia pulita” e siamo certi che gli albidonesi ci sceglieranno perché abbiamo conquistato già il loro sostegno ed il loro consenso. Del resto – hanno aggiunto i giovani parafrasando il gioco del calcio – il nostro allenatore è un fenomeno e il nostro pubblico non vede l’ora di vederci segnare e di conquistare il “palazzo di città”. Il popolo di Albidona – ammoniscono i giovani – è stanco dei metodi della vecchia politica che va rottamata e siamo sicuri che questa volta prevarrà il buon senso e potremo scrivere una nuova pagina di politica locale. La squadra è pronta – aggiungono sempre in tema calcistico – a scendere in campo all’insegna del massimo “fair play”, quindi senza scontri e senza inimicizie perché siamo animati da valori importanti che vanno preservati a beneficio del nostro futuro e di quello dei nostri figli. I giochi – concludono i giovani con il tipico entusiasmo giovanile – sono ormai fatti: bando quindi alla diplomazia nei confronti di chi di diplomazia non ne vuole sapere: noi siamo la vera forza e i disperati li lasciamo girare per le vie del paese».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *