Redazione Paese24.it

Comune di Castrovillari. «Che fine hanno fatto 14 milioni di euro?». I chiarimenti del sindaco Lo Polito

Comune di Castrovillari. «Che fine hanno fatto 14 milioni di euro?». I chiarimenti del sindaco Lo Polito
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Dopo le accuse sollevate dal consigliere di Minoranza Peppe Santagada nei confronti dell’Amministrazione Lo Polito riguardo un debito di 14 milioni di euro, il sindaco di Castrovillari ha deciso di rompere il silenzio con una conferenza stampa «per chiarire che assessori, funzionari, dirigenti, revisori dei conti di nomina del Prefetto (dott. Salvatore Rizzo, dott. Michele Trifilio e dott.ssa Esterina Policicchio ndr) fanno correttamente il loro mestiere e per evitare che nei cittadini venga insinuato il dubbio».

In buona sostanza – spiega Lo Polito ai giornalisti e ai presenti – questa cifra è reperibile nel rendiconto del 2014 (anno in cui, dal 29 maggio, il Comune era commissariato). I prestiti, dunque, non sono stati fatti dall’Amministrazione Lo Polito e le somme sono “anticipazioni”, per come chiarito dall’articolo 32 (Incremento del Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili). Nello specifico – secondo quanto riportato negli atti ufficiali forniti dal sindaco (protocollo n°15681 dell’11 luglio 2014 e protocollo n°21412 del 7 ottobre 2014) – l’Ente ha assunto, in data 8 luglio 2014, un’anticipazione di 5 milioni di euro per “far fronte – si legge – al pagamento dei debiti di parte corrente e di parte capitale certi, liquidi ed esigibili maturati entro il 31 dicembre 2012” e di altri 6 milioni di euro, in data 30 settembre 2014 (per un totale di 11 milioni, che vanno a sommarsi agli altri 3.312.864,00 di euro già esistenti nel 2014).

«Noi non abbiamo indebitato nessuno – ha ribadito il primo cittadino – e i soldi, di certo, non sono spariti».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *