Redazione Paese24.it

Castrovillari, tassa rifiuti. «Nessuna agevolazione, solo aumenti vertiginosi»

Castrovillari, tassa rifiuti. «Nessuna agevolazione, solo aumenti vertiginosi»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Gli sgravi 2016 sulla tassa dei rifiuti (Tari) sanno, invece, di aumenti vertiginosi. Ad esserne convinti, gli esponenti delle Liste Civiche, secondo cui «continua l’attività di propaganda e di populistica demagogia da parte dell’Amministrazione Lo Polito, sorda alle richieste che provengono dai commercianti ed incuranti dell’involuzione economica di tante attività».

«Le tipologie di attività che dovrebbero avere una riduzione del 20% – spiegano in una nota – per la sola quota variabile del tributo (ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, bar, caffè, pasticceria, ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio), vedranno invece un aumento di oltre il 30% rispetto a quanto pagato l’anno precedente. Tutte le attività presenti nel centro storico, (dalla T commerciale in giù) – aggiungono le Civiche – non godranno più della precedente detrazione, subendo di fatto un aumento importante della somma che dovranno corrispondere al Comune per non avere neppure un  servizio efficiente. Le riduzioni previste in base all’Isee, per le associazioni di volontariato e per le utenze domestiche che effettuano il compostaggio, invece, restano invariate rispetto all’anno 2015».

Il coordinamento civico considera «emblematica» la “politica di agevolazioni” partorita dalla Maggioranza per le famiglie, e rende noto di aver proposto, invano, l’esclusione dal nucleo familiare, ai fini del calcolo della tariffa della spazzatura, di tutte quelle persone, come studenti universitari e lavoratori fuori sede, che con regolare contratto d’affitto, pur non vivendo a Castrovillari, sono costretti a pagare due volte la tassa».

Altro punto su cui si soffermano le Civiche riguarda, poi, le tariffe per il servizio idrico, dove «le uniche riduzioni concepite riguardano solo i nuovi allacci». «Ad oggi – conclude la nota – “la progettualità” di Lo Polito & C. ha prodotto solo maldestri copia e incolla degli atti del tanto criticato commissario, nonché il crollo vertiginoso della percentuale della raccolta differenziata, precipitata al 38,4% rispetto al 49,98% del periodo commissariale millantando, invece, il merito di comune riciclone per l’anno 2013».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *