Redazione Paese24.it

A Nocara i bambini parlano inglese. Un progetto per sentirsi in Europa

A Nocara i bambini parlano inglese. Un progetto per sentirsi in Europa
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I piccoli corsisti del progetto d'Inglese a Nocara, assieme alle due insegnanti

A Nocara, piccolo comune dell’entroterra jonico, i bambini apprezzano l’inglese. Basta chiederlo ai 18 alunni di una Pluriclasse della Scuola Primaria che hanno partecipato ad un progetto Pon promosso dall’Istituto Omnicomprensivo di Oriolo. Le docenti, Tiziana Roseto (esperto esterno) e Alida Antonietta Lindia (tutor) hanno coinvolto i piccoli corsisti in un’esperienza stimolante e che ha permesso agli alunni di approfondire i primi rudimenti della lingua inglese. Un esempio significativo di coinvolgere anche le piccole scuole dei piccoli comuni in quel processo di globalizzazione linguistica e culturale in atto.

Ad Oriolo, invece, i docenti Alfonso Muscetta (esperto esterno) e Rosanna Viteritti (tutor) hanno realizzato un laboratorio di scrittura creativa con gli alunni della classe III della scuola Primaria, stimolando la fantasia dei bambini con giochi di parole, incentivazione all’ascolto, lavori di gruppo e creazione di favole e fiabe che hanno permesso di realizzare, come prodotto finale, un interessante opuscolo.

Oltre agli alunni, spazio anche alle mamme e ai papà. Con il progetto, realizzato sempre ad Oriolo, dal titolo “Genitori si diventa”, curato da Anna Roma (esperto esterno), Rosa Scaravaglione (tutor) e Anna Angela Scola (tutor) e sviluppato lungo il necessario solco della collaborazione che deve esistere tra scuola e famiglia.

Dal percorso didattico è emerso che alla luce delle complesse dinamiche sociali di oggi, il “mestiere” del genitore deve essere supportato da una formazione e da un dialogo anche esterno alle mura domestiche. Ancora meglio quando si creano questi percorsi di sensibilizzazione “scuola famiglia” che servono alla crescita di tutti gli attori che ruotano attorno alla formazione completa di un alunno. Senza dimenticare che è comunque la famiglia ad essere il primo spazio educativo per un bambino, che si presenterà poi in altri contesti già con un’educazione/formazione indispensabile per apprendere ulteriori dettami conoscitivi.

L’Omnicomprensivo di Oriolo, guidato dal Dirigente scolastico Vincenzo Gerundino, ha chiuso il cerchio per ciò che concerne i progetti Pon 2011/12, tutti azione F1-FSE, portando a termine anche altri quattro percorsi: due rispettivamente sempre di Inglese e Scrittura Creativa e altri due a carattere scientifico.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *