Redazione Paese24.it

Laino Borgo scopre l’aglio del Pollino

Laino Borgo scopre l’aglio del Pollino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nell’ambito dei servizi forniti dal Centro di Divulgazione Agricola (Ce.D.A.) n. 2 dell’ARSAC di Castrovillari (CS) alle singole aziende, in agro del comune di Laino Borgo (Cs), è stato ritrovato un ecotipo locale di aglio. Da una prima indagine risulta che la coltivazione di questo aglio, nel territorio di Laino Borgo, nel secolo scorso, occupava una maggiore superficie agricola con una maggiore produzione rispetto a quella attuale. L’aglio appartiene alla famiglia delle Liliacee specie Allium sativum e, gli ecotipi coltivati, in base al colore delle tuniche che rivestono i bulbi, vengono classificati in due gruppi: aglio bianco e aglio rosa, quello di Laino Borgo è un aglio bianco.

AGLIO DI LAINO BORGO CONSERVATO IN VASETTINICome nella tradizione, la semina dei “bulbilli” di questo ecotipo di aglio avviene alla fine di ottobre e si raccoglie ai primi di luglio. Dopo la raccolta, si conserva sottoforma di trecce o mazzetti che, di solito, si appendono sotto una tettoia al riparo dalle piogge. Qualche giovane imprenditore, sta sperimentando la conservazione di questo prodotto (bulbilli) in vasettini (nella foto) aromatizzato con pepe e foglie di Alloro e Ginepro oppure in agro dolce, particolarmente gradito dai consumatori come aperitivo e/o antipasto in quanto viene completamente eliminato l’odore sgradito di aglio.

Il Ce.D.A. n. 2 dell’ARSAC di Castrovillari, partendo da questa realtà, ha puntato al rilancio e alla valorizzazione di questo ecotipo di aglio inquadrandolo nello sviluppo dell’orticoltura tipica del Pollino. A questo scopo, si sta valutando la possibilità di inserire lo studio di questo ed altri ecotipi in un progetto più complessivo nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 misure 1.2 e 16.2. Intanto, allo scopo di studiarne le caratteristiche biologiche, agronomiche, ecc., questo ecotipo di aglio è stato seminato, in apposita parcella, presso il Centro Sperimentale Dimostrativo (CSD) dell’ARSAC di San Marco Argentano.

Luigi Gallo, ARSAC – Centro di Divulgazione Agricola n. 2 – Castrovillari (Cs)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *