Redazione Paese24.it

Scoppia la moda dei marcatori identitari agroalimentari. Roseto vuole le ciliegie Igp

Scoppia la moda dei marcatori identitari agroalimentari. Roseto vuole le ciliegie Igp
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nell’Alto Jonio è scoppiata la moda dei marcatori identitari agroalimentari, un ottimo volano turistico ed economico a patto però che gli ambiziosi progetti messi in piedi dalle Amministrazioni comunali vadano in porto. Oriolo, Trebisacce, Amendolara, Roseto puntano su prodotti della terra per aprire nuovi varchi sul mercato e per creare opportunità ai propri concittadini. Sinora soltanto Cerchiara, con il suo rinomato pane, e Rocca Imperiale, con il suo limone Igp, sono riuscite a ritagliarsi uno spazio importante nel settore delle eccellenze agroalimentari.

otium banner a

Roseto Capo Spulico, ad esempio, punta forte sulle ciliegie e sul marchio Igp. Ma la strada è lunga e tortuosa. Ma il Comune sta mettendo in campo numerose iniziative di visibilità tese per il momento alla promozione del prodotto e all’informazione su come incentivare la produzione. “Roseto Città delle Ciliegie, dalla DE.CO all’IGP elementi per una moderna filiera frutticola” è stato il titolo di una tavola rotonda tenutasi nel granaio del castello, e organizzata dal Comune e dall’associazione nazionale “Città delle ciliegie”. C’erano il sindaco, Rosanna Mazzia; l’assessore all’Agricoltura, Giuseppe Nigro; il presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Nicodemo Oliverio; il consigliere regionale della Calabria, Mauro D’Acri; il presidente della Confederazione Italiana Agricoltori, Nicodemo Podella; il Presidente di “Marketing & Consulting” Gianfranco Cimbalo; il direttore di “Città delle Ciliegie” Carlo Conticchio. Oltre ad amministratori, tecnici e agricoltori del territorio.

roseto convegno ciliegieNel corso della discussione è stato presentato l’iter burocratico per il raggiungimento di un marchio che prevede, ovviamente, la costante collaborazione dei produttori. Le difficoltà sono tante, a partire dalla scarsa capacità, oggi, dei nuovi prodotti Made in Italy di inserirsi nel mercato globalizzato. Ma le misure per provarci ci sono, a cominciare dal nuovo Psr Calabria 2014-2020 approvato e che a breve dovrebbe trasformarsi in bandi a disposizione dei cittadini.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *