Redazione Paese24.it

Proposta di legge per il Parco Archeologico Magna Grecia tra Sibaritide e Metapontino

Proposta di legge per il Parco Archeologico Magna Grecia tra Sibaritide e Metapontino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nella foto, gli scavi dell’antica Sybaris

La Sibaritide e la Siritide nel segno della continuità storica rivendicano il diritto di essere inserite nell’istituendo Parco Archeologico della Magna Grecia di cui si sono fatti promotori l’omonimo Comitato ed il Club Unesco “Bernardino Telesio” di Cosenza di concerto con i comuni di Cassano Jonio, Cerchiara di Calabria, Corigliano Calabro, Francavilla Marittima, Trebisacce e Villapiana.

Si tratta in pratica di aggiungere i Comuni della Piana di Sibari a quelli della Piana di Metaponto all’interno del Parco Archeologico della Magna Grecia per la cui istituzione hanno presentato un’apposita proposta di legge il senatore lucano Cosimo Latronico e l’onorevole Roberto Occhiuto che, nel rispetto della storia, tende a valorizzare le aree archeologiche, naturalistiche e storiche della Piana di Sibari e quelle della Piana di Metaponto per un’operazione di marketing territoriale che valorizzi i territori che hanno fatto da culla alla mitica civiltà della Magna Grecia. Gli storici considerano infatti l’area della Magna Grecia come il secondo patrimonio archeologico italiano, il quinto del Mediterraneo ed il decimo del mondo intero.

otium banner a

In realtà, anche se oggi i confini regionali presentano situazioni diverse rispetto al passato, è indubbia la contaminazione socio-culturale tra i territori calabro/lucani che si affacciano sul Mar Jonio. Gli obiettivi che si intendono perseguire sono: tutelare e valorizzare l’enorme patrimonio naturalistico, storico, archeologico, gastronomico e agro-alimentare di tutta la fascia Jonica Sibaritide e del suo immediato entroterra e creare una rete sinergica che consenta di presentare agli occhi del mondo intero un unico biglietto da visita che ricomprenda tutte le eccellenze del territorio. Da parte loro i comuni aderenti al progetto, e quelli che in futuro vorranno aderire all’iniziativa, si impegnano a porre in essere tutti gli adempimenti formali indispensabili per la formalizzazione della proposta, ad individuare al proprio interno un rappresentante che assumerà il ruolo di componente attivo del costituendo gruppo di lavoro e, più in generale, ad adottare tutte le attività connesse alla realizzazione del progetto. Alcuni di questi comuni, come per esempio Villapiana, hanno già deliberato in consiglio l’adesione all’istituendo Parco Archeologico della Sibaritide ed altri, probabilmente, lo faranno.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *