Redazione Paese24.it

Lastre di eternit abbandonate per strada. A Trebisacce “guardie (ambientali) e ladri”

Lastre di eternit abbandonate per strada. A Trebisacce “guardie (ambientali) e ladri”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

C’è chi oltraggia la natura smaltendo per strada materiale altamente tossico come l’amianto e chi in qualche modo si preoccupa di porvi rimedio. I primi sono i soliti cittadini incivili che smaltiscono furtivamente per strada ogni genere di porcheria: nella fattispecie diverse lastre di Eternit, abbandonate ai margini del famigerato Viale del Lavoro che, nonostante gli sforzi per tenerlo pulito, è quotidianamente trattato come una discarica abusiva a cielo aperto. Gli altri invece sono le Guardie Ambientali di Trebisacce che, in possesso di tutti i requisiti di legge (corso di formazione e giuramento davanti al Prefetto) ma senza aver ricevuto ancora una legittimazione istituzionale, si preoccupano di intercettare e bonificare le malefatte degli pseudo-cittadini.

Ieri mattina, per esempio, a seguito di segnalazione sul web, sono intervenute proprio su quell’area per neutralizzare in qualche modo uno scarico di lastre di amianto che, come è ampiamente noto, è pericolosissimo per la salute dei cittadini. Non potendolo per legge smaltire adeguatamente, hanno provveduto a recintare l’area ed a coprire il materiale con un telo di plastica per evitarne l’esposizione all’aria e al vento.

«Lo hanno fatto – ha scritto il loro presidente Luciano Regino – sotto la propria responsabilità, evitando così che le polveri radioattive dell’amianto venissero a contatto con l’aria. Dopo l’intervento di messa in sicurezza per chiunque transiti nelle vicinanze  gli agenti – si legge ancora nella nota del dottor Regino – sono stati “sbeffeggiati” da qualche spiritoso ma, nonostante tutto, le Guardie Ambientali di Trebisacce, in virtù del giuramento prestato nelle mani del Prefetto e dei poteri loro conferiti dallo garante dello Stato, continueranno ad operare gratuitamente nel territorio comunale per salvaguardare l’ambiente, gli animali e la salute stessa dei cittadini, con la speranza che le autorità preposte, che sono state avvisate, provvedano nel più breve tempo possibile alla rimozione dell’amianto».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *