Redazione Paese24.it

Trebisacce, Mundo risponde a critiche “Festa del Biondo”. «Abbiamo previsto incentivi»

Trebisacce, Mundo risponde a critiche “Festa del Biondo”. «Abbiamo previsto incentivi»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Archiviata la festa del “Biondo Tardivo” il sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, nel rispondere per le rime a quanti l’hanno definita un “flop”, ha provato ad archiviare le polemiche sostenendo che comunque l’esecutivo comunale,nell’organizzare questo evento giunto alla sua IV edizione, è comunque riuscito ad aprire un importante “focus” su un prodotto “di nicchia” che va accompagnato da una campagna di marketing per riportarlo ai fasti di un tempo.

Aranceti di Treby«Va comunque precisato – ha scritto il sindaco Mundo – che questi critici ad oltranza non hanno mai collaborato e fornito alcuna disponibilità nei confronti delle varie manifestazioni sociali, culturali e turistiche che tanti cittadini, sostenuti dal Comune, hanno inteso organizzare, sia per elevare il dibattito che per contribuire alla crescita sociale, civile ed economica della città. Questi soggetti si limitano solo ad esprimere giudizi negativi e demagogici che non fanno altro che nuocere al buon nome della città».

Detto questo il primo cittadino ha aggiunto di ritenere “i giardini” una grande risorsa tanto da aver impegnato non poche risorse per promuovere il prodotto sul mercato e favorire le attività collaterali in chiave economica, lavorativa e turistica. Proprio per questo – ha aggiunto- in questi ultimi anni è stato prodotto uno sforzo non indifferente per combattere nell’area delle “vigne” l’abusivismo edilizio e che anche nel nuovo piano regolatore è prevista un’attenzione particolare a quell’area che si concretizzerà con l’adozione di un piano particolareggiato.

otium banner a

«Nel nuovo PSC – ha assicurato il capo dell’esecutivo – sarà prevista anche una premialità per coloro che sostituiranno le vecchie piante con nuove e la stessa festa del Biondo Tardivo inventata dall’amministrazione comunale mira proprio a sensibilizzare ulteriormente i “vignaruli” e far loro comprendere che sono titolari di una grande opportunità. Purtroppo però, – ha concluso – qualcuno ancora una volta, non conoscendo i fatti e mistificando la realtà, pur di apparire, non lesina valutazioni e critiche fuori luogo».

Pino la Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *