Redazione Paese24.it

Villapiana ricorda il socialista Giacomo Mancini a dieci anni dalla sua scomparsa

Villapiana ricorda il socialista Giacomo Mancini a dieci anni dalla sua scomparsa
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

La Fondazione Giacomo Mancini di Villapiana in occasione del decennale della morte dell’esponente socialista (nella foto), più volte ministro della Repubblica negli anni ’60, ha organizzato un convegno sul tema “I rapporti con la periferia”. L’iniziativa, svoltasi nella sala convegni del centro storico, è nata da una proposta di Aldo Bria, ex segretario della sezione socialista di Villapiana, che ha fornito una ricca documentazione storica sul rapporto tra il ministro Mancini e la locale sezione Psi. Coordinati dal giornalista Mimmo Petroni i lavori hanno avuto inizio con l’intervento del sindaco Roberto Rizzuto che di Mancini ha ricordato la sua esperienza da sindaco di Cosenza, “un esempio per i sindaci che lo hanno seguito”.

Aldo Bria ha poi illustrato la documentazione in suo possesso attraverso un video racconto curato da Mariella Frontera: tessere degli iscritti degli anni ’60/70 con la firma dell’allora segretario nazionale Giacomo Mancini e dei segretari locali tra cui il primo dal dopo guerra Francesco Bria. E poi le lettere e i telegrammi indirizzati alla sezione socialista che annunciavano finanziamenti per le scuole, la fognatura, la rete idrica, le strade, ecc. Adolfo De Santis, studente liceale dell’associazione “La meglio gioventù”, ha tracciato una biografia storica di Mancini, “una grande personalità politica la cui opera merita di essere studiata e approfondita perché, come sosteneva lo stesso Mancini l’informazione e la comunicazione sono strumenti indispensabili per uscire dall’isolamento”.

Il professore Gianni Mazzei, docente al liceo “Galilei” di Trebisacce, ha sottolineato l’aspetto culturale del rapporto di Mancini con la periferia, “non solo dei finanziamenti per le infrastrutture, l’impegno di Mancini era rivolto anche alla lotta contro l’emarginazione delle popolazioni dei piccoli comuni periferici”. Sono inoltre intervenuti il sindaco di Cerchiara Antonio Carlomagno, l’on. Mario Brunetti che nel suo ultimo libro parla a lungo di Giacomo Mancini, Vincenzo Salerno socialista di San Lorenzo Bellizzi. L’intervento conclusivo è stato affidato all’assessore regionale al Bilancio Giacomo Mancini junior. Nel ringraziare la Fondazione, il promotore Bria, il sindaco Rizzuto, i ragazzi della “Meglio gioventù” e tutti i presenti, Mancini ha particolarmente apprezzato l’iniziativa villapianese. “Viviamo in una Regione dove è molto facile dimenticare- ha detto Mancini- e ricordare la figura di Giacomo Mancini significa evitare che una grande epoca storica finisca nell’oblio. Significa avere memoria anche dei segretari e degli iscritti di allora e del grande ruolo che hanno avuto per risollevare le sorti dei loro comuni e dello loro famiglie”.

Pasquale Bria

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *