Redazione Paese24.it

Ancora un incidente sui ponti tra Villapiana e Trebisacce. Tutti illesi, c’era anche un bimbo

Ancora un incidente sui ponti tra Villapiana e Trebisacce. Tutti illesi, c’era anche un bimbo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Sfiorata per l’ennesima volta la tragedia in un incidente stradale verificatosi ieri mattina alle 11.30 su uno dei tre viadotti che, sulla vecchia Statale 106, oggi Provinciale 253 che collega Trebisacce con Villapiana, by-passano il torrente Saraceno. Tre ponti ormai tristemente noti per i numerosi incidenti che vi si sono verificati nel corso degli anni perché la loro angustia porta a un improvviso restringimento della carreggiata. Solo per un caso fortunoso il bilancio dell’ennesimo incidente non è stato fatale perché su una delle due vetture scontratesi all’interno del ponte c’era un bambino, B. A. di appena 2 anni, che si trovava in braccio alla mamma di nazionalità marocchina, F.F. 45 anni, seduta di fianco al marito, anche lui marocchino, che guidava l’auto.

Una Fiat Punto, condotta dalla signora D. I., 73 anni di Villapiana che proveniva da Trebisacce e viaggiava in direzione del suo paese, nell’imboccare il ponte ha urtato per cause in corso di accertamento con l’auto guidata dal marocchino, la Volkswagen Polo che viaggiava in senso opposto. Sul posto, oltre ai Carabinieri di Villapiana al comando del maresciallo Luigi Potenza ed ai Vigili del Fuoco Volontari di Trebisacce, è arrivato subito il 118 di Trebisacce i cui sanitari hanno soccorso i quattro feriti prendendosi cura in particolare del bambino che per fortuna sembrava illeso perché protetto dalle braccia della mamma. In ogni caso i sanitari, visto che era coinvolto un bambino, consultatisi con la Centrale operativa del 118, hanno deciso di trasferire tutti e 4 i feriti, per i necessari accertamenti, presso l’Ospedale “Compagna” di Corigliano dove c’è il Reparto di Pediatria. Le loro condizioni pare comunque non siano gravi.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *