Redazione Paese24.it

Montegiordano, mozione di sfiducia nei confronti del sindaco. Firmano sei consiglieri

Montegiordano, mozione di sfiducia nei confronti del sindaco. Firmano sei consiglieri
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Trebisacce docet. Sarebbe il caso di dire. Acque agitate anche al Comune di Montegiordano, dove ben sei membri del consiglio comunale su tredici hanno inoltrato una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Francesco La Manna (nella foto), imputabile secondo gli scriventi di «aver disatteso l’ampio mandato ricevuto dagli elettori e di aver sfaldato quell’alleanza di centro sinistra che gli aveva permesso di vincere le elezioni».

Rocco Introcaso, Rocco La Volpe, Maurizio Renato Migneco del gruppo consiliare di opposizione “Vita Energia Futuro”; Domenico Acciardi, capo gruppo consiliare di opposizione del Pdl; Carmela Maradei, capo gruppo consiliare di maggioranza del Partito Socialista e Carlo Salvo, capo gruppo consiliare di maggioranza di Italia dei Valori: sono i sei consiglieri firmatari della mozione di sfiducia.

Montegiordano paese

Un’azione amministrativa, quella di Montegiordano, non certo idilliaca, dato che «ad un solo anno dall’insediamento, il sindaco La Manna decise di ritirare tutte le deleghe ai suoi stessi consiglieri per poi riassegnarle dopo nove lunghi mesi».

I sei consiglieri lamentano, nei due anni e mezzo di amministrazione, «una totale assenza di confronto con la cittadinanza», imputando all’amministrazione in carica (di cui fanno parte due tra i sei firmatari della mozione) «inadempienze procedurali in riferimento ai bandi “Inserimento scolastico scuola dell’obbligo”, “Aiuto alle persone non autosufficienti”, “Affidamento della gestione delle aree di verde attrezzato, campo da tennis e calcetto».

La nota si conclude con il rifiuto dei sei consiglieri di «continuare ad assistere passivamente a tale situazione assolutamente negativa per Montegiordano, sentendo il dovere di restituire alla politica ciò che le compete per assicurare al paese un governo autorevole ed efficace», proponendo dunque a tutto il consiglio comunale un voto unanime e favorevole alla mozione di sfiducia nei confronti del primo cittadino.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *