Redazione Paese24.it

Con il nuovo anno pastorale cambio di sacerdoti nell’Alto Jonio

Con il nuovo anno pastorale cambio di sacerdoti nell’Alto Jonio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nella foto, la chiesa Madonna della Salute di Amendolara Marina

«I presbiteri da me contattati, anziani e giovani, tutti mi hanno reso la disponibilità a spostarsi in comunità parrocchiali o in ministeri ecclesiali diversi da quelli in cui si trovano. Tale disponibilità ha riempito il mio cuore di gioia e, al tempo stesso, mi ha molto edificato. Sono stato parroco per moltissimi anni e sono consapevole che alcuni cambiamenti sono oggettivamente difficoltosi e possono suscitare qualche dispiacere. Sono convinto, d’altra parte, che tutti comprenderete che ogni mia disposizione è orientata al bene, all’efficacia della missione, alla gloria di Dio». Così il vescovo di Cassano all’Ionio, don Francesco Savino, nella lettera sulle nomine e i trasferimenti per l’anno pastorale 2016-2017.

Non è la prima volta in questo anno inaugurale del suo vescovato che Savino attua un “rimpasto” tra i sacerdoti, ma in questa occasione l’operazione è più corposa. Importanti novità per le parrocchie dell’Alto Jonio. A Rocca Imperiale cambiano tutti e due i sacerdoti. Alla “Madonna della Salute” di Amendolara Marina, don Diego Talarico (originario di Lauropoli, Cassano) lascia il posto a don Vincenzo Santalucia che da Rocca Imperiale Paese sbarca nella sua Amendolara (seppur in Marina. Santalucia è del Paese). Don Talarico invece diventa il parroco di Roseto Capo Spulico (dove prende il posto, per raggiunti limiti di età, di don Antonio Cavallo che diventa cappellano della locale casa protetta “Villa Azzurra”) e Montegiordano Marina. Il parroco di Montegiordano Marina, invece, don Pasquale Zipparri si trasferice nella vicina Rocca Imperiale Marina al posto dell’anziano don Mario Nuzzi che diventa rettore del locale Santuario della Madonna della Nova. A Rocca Imperiale Paese, al posto di don Santalucia, arriva don Domenico Cirigliano. A Cerchiara, don Luigi Risoli. A Francavilla Marittima, don Pietro Lo Caso.

Per quanto riguarda le cattedrali, invece: nella Basilica-Cattedrale di Cassano diventa rettore don Annunziato Laitano; alla Madonna della Catena, sempre di Cassano, arriva don Pierino De Salvo; nella Basilica minore di San Giuliano, patrono di Castrovillari, ci sarà come rettore don Pietro Groccia, che prende il posto di don Carmine Scaravaglione. Alla Madonna delle Armi di Cerchiara è il turno di don Alessio De Stefano.

Don Gaetano Santagada della parrocchia “Madonna della Pietà” di Trebisacce ha rassegnato le dimissioni per raggiunti limiti di età. Dimissionari, per aver superato abbondantemente il limite di nove anni nella stessa parrocchia anche don Nicola De Luca, parroco di Oriolo e vicario per l’Alto Jonio, e don Franco Gimigliano sacerdote della parrocchia “Santa Margherita” di Amendolara Paese. Tutti e tre comunque resteranno al loro posto sino a quando il vescovo non deciderà diversamente. Il passaggio di consegne e l’ingresso dei nuovi sacerdoti avverrà nel mese di settembre con una Santa Messa concelebrata, nelle varie parrocchie interessate, con il vescovo o con un vicario.

Vincenzo La Camera

 

 

Share Button

2 Responses to Con il nuovo anno pastorale cambio di sacerdoti nell’Alto Jonio

  1. PAGANO GIUSEPPE 2016/07/07 at 11:17

    Un augurio di vero cuore a Don Vincenzo Santalucia per la nuova nomina a Parroco di Amendolara Marina.Un ringraziamento a Don Diego Talarico per il proficuo lavoro svolto in tutti questi anni.Gli Amendolaresi lo ricorderanno per sempre per le sue qualità di parroco buono ,generoso,comprensivo e sempre disponibile.

    Rispondi
  2. Lucia Altomare 2016/07/22 at 16:29

    Secondo me, con tutto rispetto, Monsignore poco ci ha capito….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *