Redazione Paese24.it

Castrovillari, “Suoni” presenta la sua Orchestra e un concerto all’alba

Castrovillari, “Suoni” presenta la sua Orchestra e un concerto all’alba
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Partito undici anni fa in maniera “genuina” e con tanto entusiasmo torna, a Castrovillari, “Suoni” Festival Etno-Jazz, in programma dal 23 al 31 luglio, in due location del centro storico: Protoconvento Francescano e Castello Aragonese. La manifestazione, sotto la direzione artistica di Sasà Calabrese e Gerardo Bonifati, è organizzata dalla Pro Loco cittadina, con il contributo del Comune di Castrovillari, della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, del Parco Nazionale del Pollino, in collaborazione con la FITP (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), con i brand A.C.T. (Ambiente, Cultura, Turismo), “Castrovillari Città Festival” e con l’apporto di numerosi sponsor privati.

Due le grandi novità di quest’anno: la “Castrovillari Suoni Orchestra”, quaranta elementi diretti da Geoff Westley, musicista britannico, compositore, arrangiatore, produttore, direttore di fama mondiale direttore della London Symphony Orchestra, e un concerto alle cinque del mattino (sabato 30 luglio), dedicato al maestro Luigi Le Voci, per godere dei colori dell’alba nell’arena del Castello Aragonese. L’orchestra, composta da tanti musicisti calabresi e castrovillaresi, è aperta alle contaminazioni moderne, come il Pop, il Rock e la World Music, un collettivo che il M° Westley, vorrebbe portare in giro per il mondo. Un’opportunità per valorizzare i musicisti della nostra terra, dando loro la possibilità di condividere palco e musica con artisti di assoluto valore.

«Un Festival che punta sulla qualità e che contribuisce alla crescita del territorio attraverso il bello, la musica e la cultura» – così il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, ha presentato la manifestazione. «Sulle tradizioni che aiutano a volare in alto, partendo però da radici ben salde» si è soffermata l’assessore alla Cultura, nonché vicesindaco, Angela Lo Passo. «Taglio internazionale della kermesse e continua ricerca del nuovo» sono i punti che caratterizzano – secondo Eugenio Iannelli, presidente della Pro Loco – “Suoni”, il cui filo conduttore, ossia musica, cultura e carattere antropologico, è ciò che la unisce anche alle altre manifestazioni, come il Carnevale e Civita…nova.

Ad entrare nel dettaglio del programma, i due direttori artistici, Sasà Calabrese e Gerardo Bonifati. «E’ stato un duro lavoro ma – ne sono convinti entrambi – crediamo nel risultato. Organizzare un’orchestra di oltre 40 elementi porta via tempo e sudori ma sapere che la gente del nostro territorio avrà l’onore di ascoltare musica diretta e arrangiata da Geoff Westley lenisce le braccia, rammenda i calli e sgonfia la fatica». Tanti i nomi di questo Festival: da Roberto Cherillo, musicista castrovillarese, a Mimmo Cavallaro, interprete della tradizione musicale calabrese, da Maurizio Morante a Pilar e Alfredo Biondo.

Federica Grisolia

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *