Redazione Paese24.it

Deficit sanitario Sibaritide. Preoccupa l’arrivo dell’estate. Riparte “battaglia” politica

Deficit sanitario Sibaritide. Preoccupa l’arrivo dell’estate. Riparte “battaglia” politica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

“Abbiamo il dovere di difendere il diritto alla salute dei nostri cittadini. Per questo chiediamo al Presidente della Regione di rivedere il Piano di rientro sanitario che ha penalizzato la Sibaritide. Le nostre rivendicazioni non sono di campanile, ma sono finalizzate ad un ripensamento del sistema sanitario in un territorio che è diventato di periferia”. Questo in sintesi il messaggio che i sindaci della Sibaritide hanno voluto lanciare alla fine dell’incontro di ieri sera (mercoledì), andato in scena a Marina di Sibari (nella foto), e che ha avuto quale tema proprio la difficile situazione della sanità nel territorio. Al fine di riprendere la battaglia per una adeguata assistenza sanitaria nello Jonio cosentino è stato costituito un coordinamento tra gli stessi sindaci, la cui direzione è stata affidata al primo cittadino di Cassano allo Ionio, Papasso, per elaborare un documento ed una proposta comune da presentare al Governatore Scopellitti.

Inoltre, è stato deciso di rivolgersi direttamente al Prefetto di Cosenza per fargli presente la difficile situazione sanitaria che, a detta degli stessi sindaci, nel periodo estivo rischia seriamente di diventare una emergenza e di mettere a rischio la salute di residenti e villeggianti, per la mancanza di posti letto sufficienti negli ospedali del territorio ancora attivi. L’incontro è stato voluto dal Sindaco di Cassano all’Ionio, Giovanni Papasso, ed ha visto la partecipazione di numerosi sindaci del comprensorio, unitamente a taluni consiglieri regionali della stessa Sibaritide. In particolare, oltre al sindaco di Cassano Giovanni Papasso, presenti anche il sindaco di Cariati Filippo Sero, il sindaco di Cerchiara Antonio Carlomagno, il sindaco di Roseto Capo Spulico Franco Dursi, il sindaco di Trebisacce Franco Mundo, il sindaco di Castroregio Tonino Santagada, il sindaco di Francavilla Marittima Leonardo Valente, il sindaco di Amendolara Antonello Ciminelli ed il sindaco di Villapiana Roberto Rizzuto. Tra i consiglieri regionali presenti, invece,  Gianluca Gallo, Mario Franchino, Carlo Guccione e Giulio Serra. In rappresentanza della Provincia di Cosenza, presenti gli assessori Leonardo Trento e Antonio Graziano. All’incontro anche il responsabile sanità del Pd Franco Pacenza ed il segretario comprensoriale della Cgil Angelo Sposato.

“Non vogliamo contrapporci al Governo regionale – ha detto Papasso –  ma vogliamo solo essere compartecipi a scelte che interessano le nostre comunità”. Sulla stessa lunghezza d’onda un po’ tutti i presenti. “Questo piano sanitario deve essere ridisegnato – ha detto il consigliere regionale Gianluca Gallo – abbiamo avviato delle discussioni in commissione regionale. Ospedali di frontiera e montani come quello di Trebisacce devono essere riconsiderati, non so i tempi ma sono certo che il nuovo piano sanitario previsto per fine 2012, inizio 2013 terrà conto di questa emergenza nella Sibaritide. Concordo con quanto detto stasera dai convenuti: elaboriamo un progetto comune da presentare al Governatore della Regione”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *