Redazione Paese24.it

Castrovillari. Nonni e nipoti si divertono insieme, un parco giochi al centro anziani “Varcasia”

Castrovillari. Nonni e nipoti si divertono insieme, un parco giochi al centro anziani “Varcasia”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Inaugurata anche una biblioteca all’interno dello storico palazzo

Download PDF

«Una società cresce quando i piccoli e gli anziani stanno insieme. Il futuro è nello scambio tra generazioni». E’ con queste parole che il vescovo di Cassano all’Ionio, mons. Francesco Savino, ha inaugurato un parco giochi nel giardino del centro anziani “Varcasia” e una biblioteca all’interno dello storico palazzo: «Il mondo – ha sottolineato il presule – si cambia con la penna e con il libro».

13978094_1862681770627533_236419019_oUn giro nella struttura che ospita il centro anziani, accompagnato dal presidente, Carlo Sangineti, e poi un dibattito moderato da Pasquale Pandolfi, a cui hanno partecipato, inoltre, il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, il presidente del Consiglio comunale, Piero Vico, il parroco della chiesa dei Sacri Cuori, don Carmine De Franco, il presidente dell’associazione “Lambretta Club Calabria” sezione di Castrovillari, Pietro De Santis, e il presidente dell’A.n.a.s, Pino Lufrano, con cui il centro ha firmato un protocollo che prevedeva, tra le altre iniziative volte alla diffusione e alla promozione della cultura, proprio l’allestimento della biblioteca. Quasi duemila volumi, donati da “mecenati” castrovillaresi, divisi in 43 generi catalogati dalle volontarie Anas.

unnamed«Gli anziani non sono un peso ma una risorsa, rappresentano la memoria storica della città, senza cui non c’è futuro. Solo la cultura consente la crescita della comunità. E il centro anziani, con le sue iniziative, punta all’aggregazione e all’apertura verso gli altri». E’ quanto emerso, in sintesi, durante l’incontro conclusosi con l’intervento del vescovo Savino e la sua benedizione ai presenti. «E’ bello vivere insieme nella diversità. Dobbiamo recuperare la voglia di sognare e cercare il “topos” dove vivere con dignità».

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *