Redazione Paese24.it

Trebisacce, presentato il nuovo Concerto Bandistico cittadino

Trebisacce, presentato il nuovo Concerto Bandistico cittadino
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Nel rispetto della lunga tradizione bandistica, grazie all’associazione culturale “Ars Nova”, al sostegno dell’amministrazione comunale e all’impegno del maestro-direttore Gianmaria Avataggiato, è stato fondato a Trebisacce il Concerto Bandistico “Santa Cecilia – Città di Trebisacce” che martedì sera, in piazza della Repubblica, ricco di ben 42 elementi, ha tenuto la sua performance inaugurale. Non si tratta della classica banda musicale, ma di una formazione di professionisti della musica, in grado quindi di tenere concerti in pubblico. La neo-nata associazione “Ars Nova”, come ha sottolineato Lorenzo Armentano, presentatore dell’evento, oltre al rilancio e alla gestione del Concerto Bandistico “Santa Cecilia – Città di Trebisacce”,  ha come scopo lo sviluppo e la diffusione della cultura in tutte le sue forme (cinema, teatro, musica, immagini…) e, d’intesa con gli enti pubblici, la promozione di momenti di aggregazione e di inclusione sociale.

otium banner a

Anima dell’iniziativa Gianmaria Avantaggiato originario di Trebisacca ma residente a Villapiana che oggi è docente di musica presso l’Istituto Comprensivo di Villapiana e fondatore-presidente dell’associazione “Ars Nova”. E’ suo il merito di aver creato le condizioni per il rilancio della storica Banda Musicale “Città di Trebisacce” che nel corso degli anni ha avuto nella famiglia Avantaggiato i suoi pionieri. Nonostante la sua giovane età, il Concerto Bandistico “Santa Cecilia”, dopo la marcia sinfonica d’apertura, ha eseguito una serie di opere quali “La Vedova Allegra” di Lehar, “La Carmen” di Bizet, “La Traviata” e “Il Rigoletto” di Verdi, “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, “Il Canarino” di Grupyn” e, prima delle marcia finale di ringraziamento, una serie di brani dedicati a Ennio Morricone.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *