Redazione Paese24.it

Rossano, Sibaritide chiede a gran voce “Sicurezza e Legalità”

Rossano, Sibaritide chiede a gran voce “Sicurezza e Legalità”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Si è svolto stamattina (sabato) il convegno dal titolo: “Sicurezza e Legalità” nella Sibaritide (nella foto), promosso dall’UGL (Unione Generale del Lavoro) della Polizia di Stato, in collaborazione con l’Associazione Nazionale di Promozione Sociale “Liberi e Sicuri,” ed ha avuto luogo nella sala rossa di Palazzo San Bernardino nel centro storico di Rossano. Tale iniziativa, dunque, è servita a sensibilizzare le Autorità competenti e l’opinione pubblica sull’attuale situazione della criminalità organizzata operante nella Sibaritide che, in particolare, preoccupa l’intera popolazione locale. Ad oggi, purtroppo, si registrano dati allarmanti in questa vasta area del cosentino, per cui è necessario rafforzare gli organi predisposti alla sicurezza, al fine di far fronte alle numerose richieste di legalità da parte dei cittadini.

E’ necessario, a giudizio dell’UGL della Polizia di Stato, rivolgere una particolare attenzione al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Rossano, operante su tutta la fascia jonica cosentina da Corigliano Calabro a Cariati, oltre nei diversi comuni interni e collinari, affinché questo possa essere elevato a Distretto di Polizia, con il necessario potenziamento di uomini e mezzi, in maniera tale da sopprimere decisamente il dilagante fenomeno criminale in questo difficile territorio calabrese. E’stato, dunque, un incontro-dibattito interessante con relazioni e testimonianze significative. Fra tutte quella di Tiberio Bentivoglio, commerciante reggino, gambizzato nel febbraio 2011 per aver denunciato la n’drangheta e costretto a vivere sotto scorta. Testimonianze che, ad ogni modo, hanno rapito l’attenzione del numeroso pubblico seduto in platea. Molte, poi, le autorità presenti al convegno: dal sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, al Questore di Cosenza, Alfredo Anzalone, dal Procuratore Distrettuale Antimafia di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, al Segretario Nazionale dell’UGL Polizia di Stato, Valter Mazzetti.

Preziosa, tra l’altro, la relazione di Piero Sansonetti, Direttore del Quotidiano “Calabria Ora,” il quale si è soffermato sulla necessità di ripristinare la sicurezza e la legalità nell’intera Regione, al fine di garantire un futuro migliore a tutti i calabresi. L’incontro-dibattito di stamani, coordinato dalla giornalista Anna Russo, è terminato con la consegna di una targa ricordo, realizzata dall’orafo Tordo di Mirto Crosia, agli organizzatori dell’evento. Un plauso, infine, ai promotori della valida iniziativa: Alessandro Falcone (Segretario Nazionale Associazione LES e Segretario Generale Provinciale UGL Polizia di Stato), Serafino Roberto (Associazione Nazionale “Liberi e Sicuri”), Francesco Biondi, Quintino De Luca, Giovanni Iacoi e Rocco Pardo.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *