Redazione Paese24.it

Alto Jonio, ProCiv detta ai sindaci regole di prevenzione. Lunedì consegna delle radio

Alto Jonio, ProCiv detta ai sindaci regole di prevenzione. Lunedì consegna delle radio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Continua a pieno ritmo l’attività di Prevenzione da pare dei volontari della Protezione Civile che presidiano il Com 2 di Trebisacce. Quotidianamente i ragazzi della ProCiv stanno contattando i sindaci dei comuni dell’Alto Jonio, ricordando loro di:

1 – Aggiornare e inserire il Piano Comunale di Protezione Civile nel sito del Comune;

2 – Compilare le schede della pianificazione sismica speditiva allegando alle stesse la cartografia delle aree di attesa e di accoglienza della popolazione. Delle schede ne vanno conservate una copia al sindaco, una all’Ufficio Tecnico, una al C.O.C. Da spedire, invece, una al C.O.M.(centro operativo misto) di Trebisacce, una alla Prefettura di Cosenza e una alla Protezione Civile Regionale;

3 – Organizzare incontri con la popolazione distribuendo loro, come già ha fatto il Comune di

Castrovillari, un opuscolo sui comportamenti da tenere in caso di emergenza. Prossimamente, a tal riguardo, si svolgeranno degli incontri nei Albidona, Rocca Imperiale, San Lorenzo e Trebisacce;

4 – Aggiornare le funzioni di supporto del C.O.C.  Cosa sono le funzioni di supporto? Costituiscono la struttura organizzativa di base dei centri operativi e rappresentano i diversi settori di attività della gestione dell’emergenza. Ciascuna Funzione è costituita da rappresentanti delle strutture che concorrono, con professionalità e risorse, per lo specifico settore ed è affidata al coordinamento di un Responsabile. Le funzioni di supporto vengono attivate, negli eventi emergenziali, in maniera flessibile, in relazione alle esigenze contingenti e in base alla pianificazione di emergenza. Che cosa è il C.O.C.? E’il Centro Operativo del Comune attivato dal Sindaco per la direzione e il  coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione.

5 – Effettuare un backup dell’anagrafe comunale e mandarla ad un altro comune per avere, in caso di emergenza, una copia della stessa;

 6 – predisporre e inserire nel bilancio comunale il CAPITOLO PROTEZIONE CIVILE che può servire per eventuali di spesa di somma urgenza;

7 – Dotare il C.O.C. di apparati radio per collegarsi con il C.O.M. Nel frattempo che i Comuni si attrezzano il Settore Protezione Civile della Regione Calabria, nell’ambito dell’attività di pianificazione sul rischio sismico e considerato lo sciame sismico in atto nel Pollino provvederà,

Lunedì 11 giugno alle ore 15:30, presso la sede del C.O.M. di Trebisacce, a consegnare ad ogni Comune un apparato radio con frequenza regionale che servirà in caso si emergenza al fine di garantire il flusso delle telecomunicazioni in occasione di eventi sismici significativi. Per info: 0981500498 e-mail: avpc.trebisacce@libero.it

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *